•  
  •  
  •  
  •  

“A Pasquì, ma se s’accoppeno tutte e’e creature prima che nascheno nun ce resterà più nisuno.” “Ce resteranno loro, Romolé, li padroni der monno co’ li lacché loro.”

“A Pasquì, ma indo stanno ‘sti padroni der monno?” “So’ cittadini der monno, Romolé, der monno loro.” “E indo sta er monno loro?” “A Walla Stritta, in quer de Nova Yokke, Romolé.”

“A Pasquì, ma ‘sti padroni der monno a Walla Stritta, in quer de Nova Yokke, che stanno a fà?” “Stanno a rovinacce l’esistenza, Romolé.”

“A Pasquì, ma cos’è ‘sta puzza?” “È puzza de petrolio, Romolé.” “E d’indo viene?” “E so’ li mericani e a’a libbertà loro.”

“A Pasquì, oltre che de petrolio ce sta pure puzza de napalm.” “E quello è er concentrato da’a libbertà mericana, Romolé.”

“A Pasquì, ma Colombo, dopo ch’aveva scoperto la Merica, nun la poteva ricoprì?” “Era inutile, Romolé, purtroppo l’avrebbe riscoperta quarcun antro.”

“A Pasquì, come mai tanti edifici de Vasinton scimmiottano quelli de Roma antica?” “Perché li mericani vonno fa’ crede che loro so’ l’impero universale novo, Romolé.

“A Pasquì, ma che differenza c’è tra Roma antica e li mericani?” “Che Roma antica portava a’a vita, e difatti dar monno romano nostro è arrivato er trionfo der Cristianesimo e er diritto, Romolé.” “E li mericani?” “Cor regime loro de l’aborto e tutte l’antre schifezze loro è arrivato er trionfo da’a morte, Romolé.”

“A Pasquì, a’a Costituzione de la Merica dice che tutti l’omini nascheno libberi, ma com’è possibile se quanno nascheno nun sanno manco parlà e je tocca dipenne in tutto e pe’ tutto?” “So’ cose che ‘na Costituzione repubblicana le deve dì, Romolé. E’e frasi a effetto ce stanno apposta pe’ incantà li gonzi.”

“A Pasquì, perché nun ce famo comunisti pure noi? Così li preti e tutti l’antri ce rispetteno.” “Nun potemo, Romolé, nun ciavemo abbastanza soldi.”

“A Pasquì, hai visto tutti quei riccastri che applaudiveno er mattarello fori da’a Scala?” “Era pe festeggià l’eroica uscita dar sarcofago, Romolé.”

“A Pasquì, ma in quest’enciclopedia nun riesco a trovà a’a ‘Teologia da’a liberazzione’.” “Cerca sotto ‘Sarvagenti de piombo’, Romolé.”

“A Pasquì, ma ‘sti preti nun doveveno pesca’ li omini pe’ portalli in paradiso?” “Ma Romolé, nun ce lo sai che chi dorme nun piglia pesci?”

“A Pasquì, come mai li satanisti scimmiottano a’a Messa nostra e nun scimmiottano mai e’e funzioni protestanti?” “Perché quelle so’ già scimmiottature da’a Messa, Romolé.”

“A Pasquì, hai sentito ch’hanno depenalizzato cento reati, anche quello de corruzione de li minori?” “E pe’ forza, Romolé, si no deveno sbatte in gattabuia tutte e’e maestre che fanno li giochini in classe pe’ educà li pupi.”


  •  
  •  
  •  
  •