I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

Mese: novembre 2007

DEVELOPMENT, CONFLICT AND GLOBALIZATION

Emilio Biagini

There is no universally accepted definition of development, but a neutral definition as a process of innovative structural change in the economic, political and cultural fields, gives many advantages. It allows historical interpretation of past processes and understanding of current ones, constantly calling attention on the true motor of development: internal innovation (something that no external aid can replace). Globalization tends to be reified by many authors: one hears that “globalization does this or does that”. It is not so, globalization, like any other development process (such as the agricultural “revolution” of the Neolithic or the Industrial Revolution) by itself does nothing. Rather, globalization is moved by the innovative activities of dynamic actors, it is not in itself a prime mover, although it may act as multiplier of these activities. Last but not least, a neutral definition leaves space for the negative sides of development, as no one can guarantee that innovations will not have adverse outcomes.
The main points to be borne in mind in a general theory of development are: the nature (static or dynamic) of the society, the interaction of human activity with the physical environment, the Centre-Periphery relationships (essential for historical interpretation), the stages of development (it is ridiculous that some “prestigious” Italian geographers still make reference to the stages of old Rostow), and the unavoidable and ubiquitous conflict. Globalization is a process (or the process) of the highest importance, not only economic but also political and cultural. It is still an ongoing process. In rough approximation we can say that, out of six billion human beings, only one billion people only (belonging to the most advanced countries) are truly active globalizers. Three more billion (in particular India, China, Brazil and some others) can be regarded as passive globalizers, in that they are getting increasingly dynamic and being gradually included into the global world (some of their regions might be more dynamic than the poorer regions of developed countries). Only two billion people are still at the margins and unglobalized. Underdevelopment means precisely having too little dynamism and innovative capability to be included (yet) in the globalized world.
What about the enemies of the global world? In the poorer countries people seem to be aware of the advantages of globalization rather more than those of developed countries, a fact which no enemy of globalization has ever explained or even tried to explain. The enemies are mainly two: the noglobal movement and islamic fundamentalism. Their conflictual relationship to the globalizing centres of the world is the leading theme of this volume, wich tries to attract attention to facts, not to vague “discourse”. A dominant trend of today’s “human” geography is precisely “discourse”, relativism, “weak thinking”, but it is doubtful that such “philosophizing” approach may provide much insight into real processes, first of all because if we accept relativism, why on earth should the very proposition “all is relative” be “true”? Why should we trust the “relativist”, whose “truths” are, by definition, “relative”? Ah, but says the “relativist”, what I say is true because I say it. Very good, then stay cosy in your coccoon and trouble us no more.
But the broader question, “why so much discourse?” is still to be answered. What is the philosophical basis for this line of “thinking”? Its import is far broader than the mere field of geography, and concerns human society and human life as a whole. Let us try, briefly, to understand, or at least to guess. Hereby follow a few hints to help readers to understand (or guess) by themselves.
First hint: the moral law of Christianity is irksome to people who prefer doing what they like without moral hindrance (actually these are a great many people, whereby arise all the countless heresies, persecutions and black legends on “Inquisition”, “Conquistadores”, and the like). Second hint: since the 18th century culture and science has been overwhelmingly in the hands of declared atheists and agnostics (mostly black legend mongers; they call it “secularization”). Third hint: during the 18th and 19th centuries these people hoped to destroy Christianity by their new-fangled toy made up of “Aufklärung”, “rationality”, “positive thinking”, “facts, facts, facts”. Fourth hint: subsequently the toy began to break down.
The “herald” of modernity, Giordano Bruno, had become the darling of atheists because he had proclaimed the Universe to be eternal and therefore independent of God and Creation; unfortunately for him and his deluded followers, astrophysics began to discover that the Universe had a definite beginning and will have an end; moreover the materialistic theory of biological evolutionism, another milestone of atheism, has entered a deadly crisis, and for anyone who does not like self–imposed blindness it should be clear that science disproves the possibility of doing away with Christianity rather than helping to destroy it. This does not mean that Christianity ever needed “scientific” proof, but merely that atheists sought for proofs against it and found none.
Fifth hint: as the toy was breaking down, “Aufklärung”, “rationalism”, “positivism”, “facts, facts, facts” were abandoned and “weak thinking” (behaving as if God did not exist, since “we cannot know”), “discourse” (behaving as if reality could not be known, and the only possible intellectual activity were to talk of what other people had previously said, in practice “talk, talk, talk” instead of “facts, facts, facts”) became the new catchwords. These five hints taken together might bring to the unpleasant (for some) conclusion that their activity and “scientific” production is not the outcome of study and research but of an attempt to live without God, satisfying their vices, revolving endlessly around their poor selves, and therefore of corrupting soul, mind and body.
This volume seeks to tackle the difficult task of probing into the interlocking processes of conflict and globalization rejecting “discorse” and self-imposed blindness, looking at facts with true faith in human reason, trying, with the aid of a group of valiant scholars in the fields of Geography, History, Economics and Linguistics*, to understand ongoing processes and to suggest how this world of ours might be improved by defeating terrorism and bringing about positive development. If this volume, and especially its editor, will be frowned upon by the politically correct “tartuffes”, careerists and ignorant, so much the better.

Leggi tutto

ORO O LATTA? (CONTACT)

ORO O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_vipera

And the winner is …….

 

Ecco i vincitori della prossima Vipera di latta:
il regista e produttore Robert Zemeckis, il soggettista Carl Sagan, colpevoli del film “Contact”.
 
Segue un commento su questa ennesima fregnaccia hollywoodiana scritto da Emilio Biagini:

Leggi tutto

FINCIPIT

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.
Complimenti alla forestale per l’ottima segnaletica.
DANTE ALIGHIERI, Divina Commedia

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.
E poi dicevano che le foreste erano scomparse.
DANTE ALIGHIERI, Divina Commedia

Victoria non poteva più fingere con se stessa: ormai pesava più di cento chili.
MARIA CRISTINA ALVONI, Gli occhi della dama

La pioggia sabbiosa della notte ha fatto la sua parte. Dopo il fuoco l’acqua ha ripreso a rovinare i luoghi. Anche se era già passato Pecoraro Scanio, e da rovinare c’era rimasto poco.
GIULIO ANGIONI, Assandira

Leggi tutto

LA REALISTICA TEORIA DELLO SVILUPPO E LE MITOLOGIE INTORNO AL PROGRESSO, RECENSIONE DI PIERO VASSALLO

Concepita come testo universitario, la monumentale opera di Emilio Biagini (Ambiente, conflitto e sviluppo: Le Isole Britanniche nel contesto globale, 3 voll., E.C.I.G., Genova, 2007, 2a ed.) si rivela specialmente utile a quanti, per evitare la vana rincorsa delle mitologie intorno al progresso, intendono conoscere le leggi che condizionano lo sviluppo.
La nozione di progresso, infatti, è il risultato di quella famosa e ormai screditata speculazione ottocentesca, che ha concepito la storia come il fatale movimento dell’assoluto immanente, la caricatura della divinità, intesa a perfezionare e realizzare se stessa attraverso una vicenda feroce, che si svolge usando l’umanità come uno strumento vile.
Il mito del progresso, già infamato dai crimini compiuti dai suoi banditori durante il “secolo sterminato”, è ora confutato da alcuni studiosi appartenenti all’area cattolica, Cornelio Fabro, Giovanni Reale, Enrico Berti e Luigi Ruggiu, che sono stati protagonisti della rivoluzione (censurata e silenziata ma non domata dai poteri forti) che hanno dimostrato la stretta dipendenza dell’immanentismo dalla superstizione pagana.
Giovanni Reale e Luigi Ruggiu, dopo aver approfondito le tesi di Werner Jaeger sul rapporto tra mythos e logos nella tradizione eleatica, hanno sostenuto concordemente che l’attenta lettura del poema parmenideo svela una forte dipendenza dai misteri della grande madre, ai quali l’Eleate era stato iniziato in gioventù (vedi l’introduzione di Giovanni Reale a: Parmenide, Sulla natura, Bompiani, 2001).
Sennonché l’immanentismo mitologico adottato da Parmenide dovette confrontarsi con i dati sensibili, che obbligano a convenire con l’irriducibile principio di realtà. Principio che ultimamente Cornelio Fabro aveva ripensato e riformulato alla luce del tomismo essenziale.
Secondo l’aggiornata formula di Fabro l’universo fenomenico, rivela una verità contraria a quella di Parmenide: “L’essere diviene e il divenire ha realtà di essere, dunque la realtà dei molti e del divenire è la novità dell’essere”.
Per “salvare” la “sacra” verità del mito, la fantasia di Parmenide tentò di smentire l’evidenza dell’essere che diviene, immobilizzando la fluida realtà delle cose nel bronzo eterno di un’unica, immobile sostanza. Infine dovette respingere nel regno dell’opinione ingannevole il molteplice che si manifesta prepotentemente ai sensi.
Simile all’uovo del cuculo, l’obliqua immaginazione iniziatica insinuò fra le righe del rigore filosofico greco una scheggia irrazionale che rimase incognita fino all’avvento della rivoluzione tomista.
Solo la dipendenza da un’accecante superstizione può spiegare l’enormità della sfida lanciata da Parmenide e da tutti i suoi seguaci immanentisti contro l’evidenza.
Nel fondamentale saggio sulla partecipazione in San Tommaso, Fabro ha chiarito quale fu il riverbero paralizzante della gnosi eleatica sulla filosofia non riscattata dall’innovazione tomista: “L’astrattezza e il formalismo, che consistono nel considerare il pensiero dell’essere mediante l’appartenenza necessaria ovvero analitica, mentre in realtà l’essere, la verità dell’essere che all’uomo è accessibile è e non può essere originariamente che di natura sintetica, perché essa si dà e si manifesta nell’ecstasi o libera uscita della creazione divina il cui segreto rimane nascosto in Dio”.
A conferma della tesi di Fabro sull’universale effetto incapacitante del mito eleatico, uno fra i più autorevoli studiosi di Aristotele, Enrico Berti, ha recentemente riconosciuto che a malgrando delle contrarie apparenze, la filosofia dello Stagirita non ha mai attinto le verità della metafisica (vedi il saggio di Enrico Berti in Aa. Vv., “Aristotele e l’ontologia”, Albo Versorio, Milano).
San Tommaso riuscì a liberare la metafisica dall’incantesimo eleatico affermando che la filosofia inizia dalla considerazione dell’ens e non dall’intuizione del puro essere. Nell’ecumene catttolico, di conseguenza, il pensiero cattolico avanzò nella via dell’accordo con la fede.
Purtroppo, alle soglie dell’età moderna, in Inghilterra, l’immaginazione iniziatica, ridestata e confortata dall’esorbitante debolezza della scolastica occamista, s’impossessò nuovamente della filosofia, trascinandola nelle drammatiche avventure del luteranesimo, quindi nel delirio ideologico, illuminista, idealista, positivista, marxista, nazionalsocialista, nichilista.
La rivolta occamista contro la filosofia adottata dalla Chiesa romana manifesta la sotterranea ma puntuale coincidenza della cultura inglese con la mitologia progressista. Dal rigetto della tradizione cattolica, l’Inghilterra ebbe, infatti, il titolo e i mezzi necessari a conquistare la “dignità” di nazione guida dell’apostasia moderna.
Nell’esemplare vicenda britannica, il legittimo programma sviluppista appare inquinato dalla vocazione profana della monarchia, che, come ha dimostrato Francis Yeats, usò le teorie di Bacone sulla sapientia veterum e il mito neopagano di Astrea per accentuare l’indirizzo anticattolico del suo potere.
In una prima fase la monarchia inglese avanzò la pretesa di spadroneggiare nella Chiesa cattolica (onde il martirio del renitente San Thomas Beckett), in seguito assecondò la dissoluzione del tomismo (onde il primo incentivo all’assolutismo teorizzato dall’occamista padovano Marsilio, quasi preambolo all’apostasia di Enrico VIII), promosse la guerra dei pirati contro le nazioni cattoliche, tollerò l’ateismo hobbesiano e la conseguente negazione del diritto naturale. Infine incensò gli “illuminati” distruttori della filosofia, Hume e Locke.
Biagini pur apprezzando il contributo alle conquiste della scienza moderna che hanno infine migliorato le condizioni di vita dei popoli, rammenta che il regno britannico non esitò a usare la forza della scienza e il peso del denaro accumulato disonestamente per estendere un impero fondato sull’umiliazione dei popoli soggetti. Come dimostra la storia dell’influenza britannica nei risorgimenti italiano e prussiano e/o la turpe vicenda della guerrra dell’oppio.
Sennonché il potere dell’ecumenismo antiromano declina insieme con il fascino della filosofia che lo ha alimentato.
L’insorgenza del pensiero debole, l’implosione dello scientismo, la devastante pressione della lobby ecologista, oltre alla circolazione delle novità introdotte da alcuni accreditati ricercatori cattolici, hanno finalmente scalzato le radici filosofiche dell’apostasia moderna, stabilendo che i miti pagani sono la vera e unica fonte di tutte le filosofie dell’indirizzo immanentista.
Una volta accertato che l’immanentismo e il naturalismo nascono nei luoghi della superstizione pagana, l’ideologia che affermava il carattere rigorosamente scientifico del progressismo è automaticamente liquidata. L’alone scientifico si dissolve. I pensieri irriducibili alla verità della metafisica sono consegnati al vortice del relativismo e al suo esito nichilista.
Il primato civile, che la passione anticattolica aveva consegnato all’Inghilterra moderna e alla sua discendenza americana, è destinato a un declino inarrestabile. Sulla fluida scena del mondo sta irrompendo una concorrenza curiosamente costituita da popoli che in passato hanno sopportato il peso dell’egemonia inglese, India, Cina, Brasile.
È dunque giustificata la censura dell’idea di progresso conforme al mito neopagano di Astrea e il conseguente uso del termine sviluppo, che Emilio Biagini definisce puntualmente “cambiamento strutturale innovativo della società e dello spazio da essa occupato e usato”.
Ora la confutazione della mitologia progressista interpretata dalla storia inglese, disarma l’argomento principe dei polemisti anticristiani, secondo i quali la nozione di trascendenza sarebbe fomite di oscurantismo e di evasionismo e perciò ostacolo al luminoso cammino dell’assoluto immanente verso la pienezza di sé.
Una volta che si è accertato che l’assoluto immanente è un legno di ferro concepito dalla fantasia mitica degli antichi e spacciato dall’ostinazione atea dei moderni, l’obiezione contro la trascendenza di Dio non ha più significato. Cade l’impalcatura sofistica elevata a sostegno della mitologia intorno alla fatalità del progresso orizzontale. E s’impone la necessità di una drastica revisione della filosofia della storia, in altre parole la necessità di sostituire l’immagine irrealistica del progresso impersonale e necessario con la nozione realistica di uno sviluppo attuato dalla creatività e dalla libertà dell’uomo.
Biagini ha, infatti, compiuto l’impresa di rovesciare gli argomenti polemici dei progressisti nell’elenco puntuale dei contributi della religione cristiana alle innovazioni, che hanno avviato uno sviluppo conforme all’indeclinabile dignità della persona umana.
Indispensabili alla liberazione delle risorse umane furono, anzi tutto, il sacro rispetto per la persona umana e la conseguente demistificazione della fumosa teologia naturalistica: “Il Cristianesimo pose fine alla divinizzazione della natura propria del paganesimo, aprendo la via alla manipolazione della natura stessa da parte dell’uomo senza le superstiziose paura di offendere le divinità gelose e maligne che popolavano il pantheon pagano”.
Analogo fu il contributo della morale cristiana, che rivelò la natura viziosa dell’otium e riconobbe la dignità del lavoro.
Biagini rammenta che “diretta conseguenza di questo positivo atteggiamento [fu] il contributo diretto della Chiesa cattolica. In particolare l’apporto di civiltà del monachesimo fu assolutamente essenziale”.
Decisivo fu anche il contributo dell’indirizzo anti-intellettualistico della logica cristiana. Al proposito Biagini cita la geniale opera di Giovanni di Salisbury e afferma che “Difficilmente la scienza moderna avrebbe potuto nascere senza questa preparazione dell’Occidente alla disciplina intellettuale e alla comprensione della razionalità dell’universo: una disciplina fondata sulla fiducia nella capacità dell’intelligenza umana di investigare e di comprendere quanto la circonda, ben lontana dal fatalismo orientale che è invece scuola di staticità sociale”.
Naturalmente Biagini evita di tradurre l’ideologia manichea, contemplante il Grande Nemico cattolico, in un’ideologia di preteso indirizzo cattolico.
Non avrebbe senso ribaltare la dialettica progresso-oscurantismo in una speculare dialettica sviluppo-sottosviluppo. Biagini, infatti, non ha difficoltà a riconoscere i contributi allo sviluppo provenienti da personalità appartenenti all’apostasia moderna.
Il risultato che la sua opera si propone è indicare le linee di una strategia civile intesa a impedire che le generiche ragioni dello svilupppo entrino in conflitto con i diritti della persona umana.
È stata questa l’anomalia del progressismo: anteporre l’astratto risultato della storia — l’inumano bene della causa denunciato da Solzenicyn — al bene delle persone concrete.
Rovesciata la scala dei valori cristiani la storia progressista si è inoltrata nella via degli olocausti consumati per ottenere un risultato. Olocausti ora compiuti come sacrifici alla Dea Ragione (l’olocausto vandeano, ad esempio), ora in nome del profitto (l’olocausto strisciante causato dallo spietato governo della rivoluzione industriale e l’olocausto vero e proprio consumato dai belgi nel Congo), ora in vista del paradiso in terra, ora in funzione della razza ariana.
Il sangue delle vittime ha sommerso la memoria delle ideologie ispirate dalla mistificazione progressista. L’unico futuro oggi pensabile ha il colore dello sviluppo a misura di uomo.
PIERO VASSALLO

Leggi tutto

RECENSIONE DI “RULE BRITANNIA”

Recensione del volume “RULE BRITANNIA. THE WIELDING OF GLOBAL POWER” (HALLE, PROJEKTE VERLAG, 2006, 145 pp.), di EMILIO BIAGINI,
Pubblicata sulla RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA, CXIV, 3, pp. 460-461
Una lettura non convenzionale della globalizzazione, così può definirsi questo saggio (il cui titolo suonerebbe in italiano "Governa, Britannia. Il controllo del potere globale") che ha il non trascurabile pregio di venir pubblicato all’estero, caso piuttosto raro per un geografo italiano.
Si tratta della sintesi di un’opera ben più vasta — 3 volumi per quasi 1.600 pagine — uscita nel 2004 per le edizioni Ecig di Genova (Ambiente, conflitto e sviluppo: Le Isole Britanniche nel contesto globale, € 40), sintesi che risulta più armonica e di facile lettura, anche se al prezzo di rinunciare ad una massa imponente di informazioni di dettaglio che nel loro insieme avvalorano le tesi sostenute. L’A. confessa di averci lavorato dieci anni, ma tutto sta ad indicare che si tratta del risultato di ricerche iniziate cinquant’anni fa [sic, saluti da Matusalemme, N.d.A.] e dunque siamo di fronte al lavoro di una vita.
Le tesi proposte sono non solo originali ma decisamente controcorrente e dischiudono prospettive nuove al ricercatore. Biagini inquadra la globalizzazione in un vasto movimento evolutivo che muove a cerchi concentrici a partire dall’Inghilterra (meglio ancora da Londra) per includere via via le periferie celtiche — Galles, Cornovaglia, Irlanda, Scozia — il nascente impero extraeuropeo e, attraverso la “satellizzazione” alternata dei paesi continentali giunge allo stabilimento di un vero e proprio impero mondiale. Una costruzione che sin dagli inizi trova il suo fondamento nell’economia e passerà sotto la gestione degli Usa a partire dalla I guerra mondiale.
La trattazione è prevalentemente di tipo geostorico, essendo sacrificati i riferimenti alle teorie dello sviluppo che l’A. ha affrontato con diversi scritti tra gli anni ’60 (sic, in realtà ‘70) e ’80. A questi precedenti è però necessario rifarsi per comprendere la prospettiva adottata nell’analisi, che individua una espansione attraverso tipi di “frontiere”.
Si inizia con la presentazione fisica della Gran Bretagna, un’isola “naturalmente” vocata al predominio, nonostante le numerose invasioni da essa subite. Ne vengono ricordate quattro: quella romana, anglosassone, danese, normanna. Una volta espulsa dal continente con la guerra dei Cent’anni, avrà inizio il processo a cui Biagini dedica la parte sostanziale del lavoro.
Una caratteristica fondamentale è la scelta di utilizzare il legame concettuale tra le religioni e lo sviluppo delle civiltà quale chiave di lettura dei processi che conducono all’attuale società post-industriale attraverso l’affermarsi del “potere globale anglo-sassone”. Da qui una rimeditazione che parte dalle modalità e dalle conseguenze dello “scisma d’Inghilterra”. Uscita dalla perifericità geografica con la scoperta dell’America, sotto i Tudor l’Inghilterra si oppone alla visione geopolitica fondata su una comunità universale (“cattolica”) di stati, per appoggiare strenuamente l’ideologia nazionalista. Da strumento di dominio interno, questa verrà dapprima utilizzata per assumere il controllo delle Isole Britanniche e quindi costantemente riproposta all’esterno come mewwo per dividere e quindi indebolire i potenziali concorrenti all’egemonia mondiale.
Vediamo così la Gran Bretagna non solo combattere spagnoli e francesi, ma anche appoggiare la divisione del grande stato dei Paesi Bassi uscito dal Congresso di Vienna. Appoggiare quindi la distruzione del Regno delle Due Sicilie e l’unificazione di Italia e Germania in funzione antiaustriaca e contemporaneamente antifrancese. Per poi impegnarsi a puntellare in ogni modo l’impero turco, contrastando la nascita della Grecia indipendente, in una prospettiva che va ben oltre alla ostilità nei confronti della Russia zarista. Sul piano economico, Biagini rileva altri aspetti importanti, quali l’appoggio all’industrializzazione del Belgio, della Germania e perfino dell’Italia, di contro all’ostilità verso i Paesi Bassi.
È una politica che Biagini vede oggi riproposta, in un orizzonte caratterizzato dall’eclisse degli stati-nazione, attraverso la creazione di una pletora di organismi sovranazionali, attivi specialmente nel settore ambientalista. Organismi i cui denominatori comuni vemgono individuati sia nella composizione dei vertici (provenienti dalla più esclusiva nobilità nordeuropea e dal management delle grandi industrie, ovvero dai principali “inquinatori”), sia nella loro azione. Questa si traduce infatti in uno sforzo teso ad impedire l’accesso alle tecnologie più moderne ai paesi europei potenzialmente concorrenti sul piano economico. Fra queste tecnologie l’A. cita il nucleare civile quale fonte di energia a basso costo e gli Ogm quali strumenti per una moltiplicazione delle rese agrarie.
Con la terza rivoluzione industriale e l’emergere delle guerre “asimmetriche”, cambia apparentemente la natura dei conflitti internazionali, oggi non più alla portata di un paese che ha perduto l’Impero. Un impero che è costato, solo tra il 1815 e il 1880, 13 guerre principali e 150 campagne minori, la maggior parte al di fuori dell’Europa. Oggi come ieri, lo strumento principale delle politica britannica risiede però nell’uso combinato della sovversione e della affiliazione delle élites straniere alle quali agevola l’accesso al potere. Il risultato atteso è una modifica dei rapporti di mercato, che anche in un contesto post-industriale fanno riferimento principalmente al controllo delle risorse naturali. Allo stesso modo in cui, agli inizi, Enrico VIII aveva sequestrato le terre della Chiesa ed i suoi successori avevano espropriato le popolazioni dell’Irlanda e delle Highlands scozzesi. Passaggi tutti che nel volume sono ben documentati nella loro tragicità, ricollegata ad una prassi, più volte ripetuta, di “protestantizzazione” del territorio, i cui effetti sono ancor oggi percepibili nell’Ulster. Una prassi che è insieme elemento di trasformazione territoriale e carattere distintivo di una cultura fortemente ideologizzata.
Ne esce un’immagine decisamente in contrasto con quella corrente di una democrazia pacifica e rispettosa della legalità internazionale che ci viene quotidianamente proposta dalla letteratura. Un paese che non ha mai visto l’Europa come la propria collocazione naturale, posizione che si riconferma tuttora. Un paese sempre attento, peraltro, a curare la propria immagine all’esterno, anche e soprattutto attraverso l’editoria specializzata, intesa come strumento di dominazione culturale. Cosa possibile grazie al principio secondo il quale la storia viene scritta sempre dai vincitori.
Per concludere, siamo di fronte ad un’opera impegnativa, di largo respiro, sorretta da una bibliografia ineccepibile, che può sconvolgere il lettore impreparato, così come ha sconvolto per primo l’A. man mano che la ricerca andava avanti. Si vedano le precisazioni in merito alle vicende di casa nostra, che vengono inquadrate secondo le nuove tendenze della storiografia risorgimentale, all’interno della politica di riorganizzazione dell’Europa in funzione degli interessi britannici. Una lettura avvincente, che lascia perdonare alcune pecche, ad es. la visione alquanto naïve degli Stati Uniti e di conseguenza l’inquadramento non sufficientemente elaborato del cosiddetto “scontro delle civiltà”.
GIANFRANCO BATTISTI
(Univ. di Trieste)

Leggi tutto

LA VITTORIA DELLA PREGHIERA

LA REPUBBLICA CECA
La prima città da noi visitata è stata Praga nel 2001. Avendo presente Kafka, pensavamo di trovare una città cupa e triste. Invece è una città gioiosa, invasa da turisti e da giovani provenienti da tutto il mondo. Però, guardando qua e là con attenzione, si trovano le tracce del drammatico passato. Sul muro dell’Università un busto di Jan Palach ricorda il sacrificio di quel giovane per protestare contro i carri armati giunti a soffocare ogni tentativo di libertà. In qualunque stagione ai piedi del muro vi è sempre un mazzo di fiori freschi.
Nell’enorme piazza S. Venceslao, una semplice aiuola con una croce di legno ricorda il luogo dove Jan Palach si dette fuoco. La semplicità del sito commuove più di un enorme mausoleo. Mausolei del genere sono piuttosto retaggio dell’odiato regime precedente.
Ma è al di fuori dei percorsi turistici che si trovano le testimonianza dei drammi vissuti dalle popolazioni. Esempio per tutti il convento oggi chiamato Emmaus, che è attualmente in fase di ricostruzione. Distrutto da un bombardamento americano nel febbraio 1945, al suo interno una piccola targa racconta l’odissea dei frati benedettini prima con l’occupazione tedesca: alcuni furono fucilati, gli altri che poterono si rifugiarono in Italia. Tornati alla fine della guerra, furono imprigionati, torturati ed alcuni uccisi dai comunisti che avevano sostituito nei metodi e nelle crudeltà il potere nazista.

Leggi tutto

ORO O LATTA? (LE MEMORIE DEL CARDINALE MINDSZENTY)

La catastrofe della prima guerra mondiale — scatenata dalla congiura bosniaca che assassinò l’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria, e della quale facevano parte l’ebreo Gavrilo Princip e il musulmano Drugalo Dukovac, presenti al congresso congiunto islamico-sionista di Istanbul, nel quale venne deciso lo sterminio dei cristiani armeni — colpì duramente l’Ungheria, che fu amputata dei quattro quinti del suo territorio, lasciando milioni di magiari fuori dei confini. Ciò corrispondeva al piano di disintegrazione del cattolico Impero asburgico formulato dal “Congresso delle Massonerie delle nazioni alleate e neutrali”, tenutosi a Parigi il 28-30 giugno 1917, i cui documenti dimostrano che un anno e mezzo prima che la guerra finisse, le alte sfere massoniche avevano già formalmente deliberato la distruzione dell’Austria-Ungheria, ferocemente odiata in quanto ultimo resto del cattolico Sacro Romano Inmpero.
Dopo un breve periodo di brutale dittatura comunista, abbattuta nel 1919, l’Ungheria mutilata si alleò con la Germania, per cercare di recuperare almeno in parte le terre perdute, e riuscì a riprendersi parte della Transilvania e altri territori, ma il prezzo pagato fu altissimo: il paese si trovò vincolato alla Germania hitleriana, della quale condivise la catastrofe bellica e l’orrenda invasione sovietica. Nelle ultime fasi della guerra, l’Ungheria tentò di concludere una pace separata ma, analogamente all’Italia, fu occupata dai tedeschi. L’arrivo dei “liberatori” sovietici rappresentò una spaventosa esperienza per le popolazioni civili: tutte le donne su cui le orde sovietiche riuscirono a mettere le mani furono violentate decine di volte, quasi tutte infettate di sifilide e moltissime si suicidarono.
È in questo travagliato contesto che si svolge la vicenda di Joséf Mindszenty, nato a Mindszent nel comitato di Vas, da una numerosa e religiosissima famiglia di piccoli contadini, il 29 marzo 1892. Fin dalla prima giovinezza avvertì la vocazione religiosa e divenne prete il 15 giugno 1915. Fu sempre intrepido difensore della Verità evangelica, dei sacrosanti diritti della Chiesa e dell’istruzione cattolica. Per questo fu arrestato nel 1919 dai comunisti, e nel 1944 dai nazisti, così che ebbe modo di ottenere una prima esperienza delle delizie del totalitarismo. Divenuto arcivescovo della sede primaziale di Esztergom e cardinale subito dopo la guerra, nel 1945, fu arrestato di nuovo dai comunisti il 26 dicembre 1948, per aver cercato di difendere il suo gregge dal cancro comunista sotto la brutale occupazione sovietica, che sovvertì con i brogli e le violenze i risultati delle elezioni in cui i comunisti avevano ottenuto solo il 17% dei voti.
Seguì l’interrogatorio, in cui era già determinato dai suoi persecutori quello che doveva “confessare”, il tutto condito da degradanti torture, poi il processo farsa e la condanna all’ergastolo, scontata in condizioni spaventose ed umilianti. Venne liberato dagli eroici insorti anticomunisti il 30 ottobre 1956, ma costretto a cercare rifugio nell’ambasciata americana il 3 novembre, quando i sovietici attaccarono a tradimento i patrioti ungheresi, dopo aver finto di essere pronti a ritirarsi. I negoziatori ungheresi, fra i quali l’eroico colonnello Pál Maléter, furono arrestati dai russi durante i negoziati e assassinati.
Mentre era recluso nell’ambasciata, sentiva i ragazzi per la strada proferire le medesime bestemmie che i suoi aguzzini vomitavano in sua presenza apposta per offenderlo, durante gli interrogatori, le torture e il carcere. Era il bel risultato della politica scolastica comunista: distrutte le scuole religiose, nelle scuole pubbliche si insegnava l’ateismo. Non mancavano naturalmente preti collaborazionisti, i cosiddetti “preti della pace”, che il regime infiltrava come un cancro nella chiesa ungherese, per distruggerla dall’interno. Una volta l’ambasciata americana di Budapest, “colpevole” di dare asilo al Cardinale, fu invasa e devastata da centinaia di “studenti” africani, aizzati dal regime.
Mindszenty era deciso a non abbandonare comunque l’Ungheria, ma venne invece costretto a farlo dalle pressione del Vaticano, dove regnava la sbornia postconciliare del “dialogo”, che fruttò solo sterili acrobazie diplomatiche e non ottenne altro che favorire i comunisti. Di questo pericolo Mindszenty più volte cercò invano di rendere conscia la Santa Sede, facendo presente che la Chiesa magiara, assoggettata com’era ai comunisti, non era comunque in grado di svolgere la propria missione, e il “dialogo” avrebbe solo aiutato il nemico. E Cristo in persona aveva forse consigliato di “dialogare” con l’anticristo?
Come avrebbe potuto la diplomazia vaticana aiutare i cattolici del silenzio, se questo medesimo atteggiamento compromissorio stava rovinando lo stesso centro del cattolicesimo? La nuova politica vaticana portò infatti in Italia alla svolta a sinistra, alla distruzione della scuola, al divorzio, all’aborto, alla crisi demografica, una crisi demografica che finì per investire l’intera Europa, col dilagare del relativismo, delle sette, dell’egoismo, della denatalità, fino allo spettro non tanto remoto dell’estinzione fisica. Chi abbatté infine il comunismo? Di certo né la Ostpolitik di Brandt né la diplomazia vaticana. Ci riuscì Reagan, costringendo l’URSS ad una corsa agli armamenti che l’assurdo sistema economico della dittatura comunista non poteva sostenere. Altro che disarmo e distensione.
Ma la follia pacifista della distensione era in piena furia negli anni Settanta, che furono naturalmente il periodo di maggior splendore dell’imperialismo comunista (caduta del Vietnam, dell’Angola, del Mozambico). Il 28 settembre 1971, Mindszenty fu dunque obbligato dalle ossessionanti pressioni vaticane ad uscire dall’ambasciata americana e a recarsi in Occidente. Proclamato “ostacolo alla distensione”, dato che continuava a dire la verità sul disastro comunista, il cardinale martire fu rimosso da Paolo VI dalla sua carica di principe primate d’Ungheria, nonostante le iniziali promesse in contrario. Il Cardinale Siri, che lo incontrò a Roma nella basilica di San Paolo fuori le Mura nel 1971, fu forse l’unico che gli ofsse veramente amico: gli manifestò una calda gratitudine per le sofferenze che aveva dovuto sopportare per la Chiesa e gli baciò la mano.
Mindszenty morì nel 1975 in esilio. La sua salma tornò in Ungheria nel 1990, dopo la caduta del regime, ed è sepolta nella monumentale cripta della basilica primaziale di Esztergom. La causa di beatificazione è in corso, sebbene non manchi di incontrare i soliti ostacoli da parte dei “progressisti”. Le conseguenze del comunismo in Ungheria e altrove —secolarizzazione, bestemmie, famiglie a pezzi — sono tutt’altro che sanate, anche perché il liberalesimo che ha sostituito l’ideologia marxista è altrettanto nemico della Chiesa cattolica e della vera libertà quanto lo è il comunismo, solo in modo più subdolo.
EMILIO BIAGINI

Leggi tutto

ORO O LATTA? (FINAL FANTASY)

ORO O LATTA? QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_vipera

And the winner is …….

 

Ecco i vincitori della prossima Vipera di latta:
il regista e produttore Hironobu Sakaguchi, i cooproduttori Jun Aida e Chris Lee (che evidentemente avevano soldi da buttar via), e i soggettisti Al Reinert e Jeff Vintar, colpevoli del film “Final Fantasy”

Leggi tutto

ORO O LATTA? (LA VITA DEGLI ALTRI)

ORO O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila

Assolutamente meritevole del più alto riconoscimento ci è apparso questo film:

 

DAS LEBEN DER ANDEREN (“La vita degli altri”, regista, soggettista e produttore Florian Henckel von Donnersmarck).

Segue un commento di Emilio Biagini:

Leggi tutto

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

odio ultricies ante. ut neque. ut pulvinar mi, consectetur Nullam