I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

I Trigotti

Categoria: Ridicularia (Pagina 1 di 28)

I MANEGGI PER MARITARE UNA BARONESSINA

I MANEGGI PER MARITARE UNA BARONESSINA

Atto unico

Questo atto unico è parte di un volume ancora inedito (ma uscirà, oh se uscirà), a firma dei perfidi Trigotti (autore principale Maria Antonietta, coautore Emilio), dal titolo LA SCIENZA DI BLATERONTE (spiegata al popolo). Va detto che è stato rappresentato con successo al Teatro della Gioventù di Genova poco prima che i comunisti (pardon, i “democratici”) si impadronissero del teatro e lo mandassero in fallimento in brevissimo tempo.

Chiedendo scusa a Nicolò Bacigalupo e a Gilberto Govi per l’intrusione, vorremmo osservare che la somiglianza alla celebre commedia non si spinge al di là del titolo, dato che il mondo qui rappresentato è di gran lunga più perfido. La ragazza da maritare, infatti, non è una squinzia qualunque ma la figlia di un barone universitario, e come tale — che abbia meriti o demeriti personali, grazie fisiche o disgrazie metafisiche, poco importa — fa pur sempre parte, per diritto familiare ed ereditario, della casta. Se il padre è barone, la figlia è baronessina e, sebbene racchia e del tutto priva di spirito, non mancherà ugualmente di trovare prima o poi l’incosciente disperato che se la sposa.

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 52

“Dimmi, Fulgenzio, visto che la Chiesa celebra Lutero, cosa dobbiamo aspettarci?” “Che gli ebrei celebrino Hitler, Terenzio.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 51

Dimmi, Fulgenzio, ma che vantaggio c’è a mandare tutto in rovina?” “Quello di soddisfare gli invidiosi, Terenzio, quelli che non sanno far niente e vogliono impedire agli altri di fare.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 50

“Dimmi, Fulgenzio, perché a Rapallo non riutilizzano gli alberghi dismessi? Se diventassero condomini ci sarebbe lavoro per ristrutturarli e più abitanti che porterebbero soldi.” “Perché se tutto va in rovina si impedisce quella che chiamano ‘la speculazione’, Terenzio.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 49

“Come mai, Fulgenzio?” “Perché c’è una cosa che si chiama ‘vincolo alberghiero’, Terenzio; che serve a far andare in rovina gli alberghi dismessi.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 48

“Dimmi, Fulgenzio, come mai hai la testa fasciata?” “Sono passato per Rapallo, Terenzio, e lì piovono pietre e calcinacci.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 47

”Dimmi, Fulgenzio, come mai su internet cercano di imbavagliare i siti controcorrente?” “Questa è la liberté, l’egalité e la fraternité, Terenzio.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 46

“Dimmi, Fulgenzio, secondo te, i bonzi del regime come pensano di far convivere i trionfi del laicismo, cioè femminismo e finocchiaggine, con l’islam che vi è visceralmente contrario?” “Ma tu credi che quelli pensino, Terenzio?”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 45

“Dimmi, Fulgenzio, ma quella racchia con le trecce che gira per il mondo digrignando che dobbiamo aver paura, saprà quello che dice?” “Non so, Terenzio, ma di sicuro ha trovato il modo di sistemarsi.”

Leggi tutto

Dialoghetti in pillole 44

 “Dimmi, Fulgenzio, ma quel predicatore che diceva che la moltiplicazione dei pani e dei pesci è impossibile perché è contraria alla legge di conservazione della massa, che farà quando gli toccherà presentarsi al Creatore?” “Invocherà la legge di conservazione della massa che venga a salvarlo, Fulgenzio.”

Leggi tutto

(Pagina 1 di 28)

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

efficitur. sit porta. Sed dolor. id suscipit amet, risus. commodo