I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

I Trigotti

Categoria: Ridicularia (Pagina 2 di 22)

PALADINI DELLA LIBERTA’

PALADINI DELLA LIBERTA’

1941

“Mister President, i giapponesi non attaccano ancora.”

“Cacchio, li abbiamo bombardati in Cina senza dichiarazione di guerra e hanno sopportato senza reagire, gli abbiamo tagliato i rifornimenti di petrolio e abbiamo rifiutato di allentare le sanzioni nonostante la loro promessa di uscire dall’Asse in cambo di un po’ di petrolio. Cosa dobbiamo fare ancora?”

“Un po’ di pazienza, mister President. Hanno petrolio solo per sei mesi. Vedrà che attaccheranno.”

Leggi tutto

QUIZ A PREMI. 1

Quinz a premi. 1

Considerare i seguenti luoghi: 1) gabbia delle tigri digiune da tre giorni, 2) palude pullulante di coccodrilli, 3) ospedale pediatrico inglese, 4) ponte di liane in disfacimento su un fiume pieno di piraňa”, e indicare quello più pericoloso per i bambini. Fra coloro che invieranno la risposta esatta sarà estratto un premio a scelta fra: 1) un artistico ritratto della Bonino, 2) una pompa di bicicletta, 3) le memorie del dottor Mengele. Raccomandiamo Mengele.

Leggi tutto

QUIZ A PREMI. 2

Quiz a premi. 2

Considerare i seguenti arsenali militari: 1) pozioni del druido Panoramix, 2) armi di distruzione di massa di Saddam, 3) arsenale chimico di Assad, 4) cerbottane di Pierino, e indicare quello più temibile per l’impero americano. Fra coloro che invieranno la risposta esatta sarà estratto un premio a scelta fra: 1) un appuntamento a lume di candela con la Bonino, 2) un sigaro al cianuro, 3) una storia degli eroi americani portatori di libertà. Raccomandiamo il sigaro.

Leggi tutto

L’OMELIA DI DON PESSETTA

L’OMELIA DI DON PESSETTA,

PARROCO ILLUMINATO E PROGRESSISTA

 

Cari fratelli e sorelle, fosse oggi vi scandalisserò un po’, ma vi darò la vera spiegassione del brano evangelico che abbiamo letto. C’era una donna cananea, che era molto ricca, e quindi cattiva, e le piaceva la bella vita, e facendo la bella vita aveva fatto ammalare la figlia, che il Vangelo dice che era tormentata dal diavolo. Ai tempi arretrati di Gesù si attribuiva qualunque malattia pissicologica al diavolo; ora, noi che siamo progrediti sappiamo che ci sono tante malattie pissicologiche: fosse la ragassa soffriva di bulimia, fosse di anoressia, comunque di qualche disturbo dell’apparato digerente, perché la madre, come ho detto, era cattiva e la trascurava. Ora questa donna inseguiva Gesù, pregandolo di guarire la figlia perché non voleva perder tempo lei a curarla. Ma Gesù se ne frega e la chiama cagna. Allora la donna, che avrebbe potuto mandare a quel paese Gesù che l’aveva insultata, ha invece un’illuminassione: cioè capisse che ci sono i cani, e c’è chi li tratta male, cioè ci sono i poveri maltrattati e i ricchi che li maltrattano, e si accorge di essere lei una dei ricchi che maltrattano i cani, cioè i poveri. Del resto Gesù non conosseva la figlia, quindi non poteva guarirla, ma la vera malata era la madre, e quella viene guarita quando le si illumina nella cucurbita del cranio l’idea che non si devono trattar male i cani, ed è questo il miracolo della convessione che fa guarire anche la figlia.

Leggi tutto

GIULIETTO E ROMEO

GIULIETTO E ROMEO

“Hai sentito l’ultima? Una preside inglese ha vietato agli studenti un balletto basato su “Giulietta e Romeo” perché, ha detto, “era vergognosamente etero”.

“E se il titolo fosse invece stato ‘Giulietto e Romeo’?”

“Allora tutto bene: ‘Oh, Giulietto, non è l’usignolo che canta, ma la sgraziata allodola che annuncia l’alba e il triste istante della nostra separazione’… ‘Fuggi, Romeo, che già s’appropinquano i tristi Capuleti omofobi, armati di stocchi, scimitarre e trinciapolli, e di te faranno spezzatino se ti sorprendono nel mio casto talamo’.”

Leggi tutto

MERDAGLIA A ABORTINA POMPETTI

Merdaglia d”oro al valor civile alla compagna Abortina Pompetti

Già distintasi nella lotta per l”emancipazione femminile, avendo eseguito di propria mano, armata di pompa di bicicletta, ventitremiladuecentotrentasette interruzioni volontarie di gravidanza, vulgo aborti, rivulgo omicidi di bambini non nati, successivamente si prodigava con encomiabile slancio nel salvataggio di una femmina incinta di scorpione accidentalmente caduta in una roggia, riuscendo infine, dopo intensi sforzi, a trarre in salvo la cara bestiola, pur ricavandone numerose punture letali. Alle quali serenamente soccombeva fra atroci sofferenze, al grido di “viva l’ambiente, viva le lumache ermafrodite, abbasso gli omofobi”. Fulgido esempio di civismo, sprezzo del ridicolo e sensibilità ambientalista.

Leggi tutto

MERDAGLIA A AMBIENTINO BLOCCATUTTO

Merdaglia d’oro al valor civile al compagno Ambientino Bloccatutto

Già benemerito per la sua ferma opposizione a qualsiasi escavazione nel terreno e, subito dopo, a qualsiasi tentativo di riempire i buchi fatti, in occasione di lavori di ampliamento della rete elettrica, si arrampicava su un traliccio per impedire l’esecuzione del bieco progetto, restandovi fulminato in seguito all’eroico e pregnante gesto di orinare su un cavo dell’alta tensione. Ammirevole esempio di intelligente dedizione alla causa ambientalista.

Leggi tutto

MERDAGLIA A ARCANGELINO MASSIMOTTI

Merdaglia d’oro al valor civile al compagno preside Arcangelino Massimotti

Strenuo difensore dell’Istituzione dotata di codice e(me)tico, si gettava a testa bassa nella lotta contro un libro politicamente scorretto che minacciava di agitare le torbide acque della palude accademica. Colpito in testa dai sassi che aveva lanciato per aria, e costretto ad abbandonare l’amata poltrona, vinto ma non domo, stoicamente sopportava l’inaspettato rovescio di fortuna, andando solo a piagnucolare ogni tanto sulla spalla di qualche collega disposta a baciargli la pelata (bleah!). Memorabile esempio di romana fortezza e sprezzo del ridicolo.

Leggi tutto

MERDAGLIA A BESTIOZZO SCASSACERVELLO

Merdaglia d’oro al valor civile al compagno Bestiozzo Scassacervello

Insegnante animato da profonda fede ambientalista, si dedicò ad in-kul-kare negli allievi il senso del più profondo rispetto della natura e della massima repulsione per qualunque attività umana che scalfisse l’amata terra. Il suo più cogente insegnamento era che non si poteva accettare il cristianesimo perché era rivolto solo all’uomo e non contemplava anche la redenzione delle scimmie, delle anatre, delle raganelle e dei pidocchi. Colto da profondi rimorsi per il fatto di occupare un posto sulla terra, si suicidava gettandosi in mare, in modo da servire almeno da mangime per i pesci. Brillevole esempio di coerenza ecologista spinta fino al supremo sacrificio.

Leggi tutto

MERDAGLIA A ECOLOGIONZO BECCAMORTI

Merdaglia d’oro al valor civile al compagno Ecologionzo Beccamorti

Da sempre assiduo propagandista della necessità di sterminare l’umanità per liberare gli ecosistemi dal pesante fardello umano, colto da mistica ispirazione si gettava da un grattacielo per dare il buon esempio, lasciando scritto: “Spero proprio di cadere su qualcuno in modo da liberare la terra da due esseri umani invece di uno solo”. Splendido esempio di inflessibile dedizione alla causa ambientalista, che si auspica al più presto venga imitato, senza eccezione alcuna, da tutti gli altri ambientalisti.

Leggi tutto

(Pagina 2 di 22)

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

suscipit commodo fringilla nec elementum quis elit. felis id luctus porta. tristique