•  
  •  
  •  
  •  

Mancini aveva ragione. Ha fatto solo male a scusarsi di fronte alle urla isteriche dei covidioti.

Bisogna essere cretini o in malafede, o tutt’e due, per non vedere che la “pandemia” è fabbricata a tavolino, che si tratta di terrorismo mediatico-sanitario, che la reazione frenetica alla “pandemia” ha fatto e sta facendo molto più danno della malattia stessa.

La strategia dei delinquenti è la solita: il terrore, facile ad ottenersi avendo il controllo dei mass media. Solo insulti a chi non ci casca, come in tutte le dittature.

SONO COMPLOTTISTA?

SÌ, E ME NE VANTO.

I complotti sono sempre esistiti, e il complottista è colui che è capace di vederli, mentre gli ingenui ingollano l’esca, con l’amo e il galleggiante. Che pena!

Ma ve l’immaginate dei figuri come Hitler, Stalin, i leader guerrafondai delle “grandi democrazie” anglosassoni, i grandi banchieri usurai massoni mondialisti di Wall Street e del Club 666 di Manhattan, in una parola i delinquenti satanisti che hanno sempre malgovernato la povera umanità, che agiscono soavemente con candida sincerità? che dicono quello che pensano? che operano per il bene dei sudditi? che fanno fioretti quotidiani?

Ma andiamo!

Non vedete che questo terrorismo mediatico-sanitario è la diretta continuazione di quello ambientalista?

Dopo le ennesime figuracce collezionate dagli ambientalisti, dopo che le previsioni del massonico Club di Roma erano fallite, dopo che il rompighiaccio che portava gli “scienziati” del clima a studiare la fusione dei ghiacci antartici è rimasto bloccato dai ghiacci stessi che avrebbero dovuto sciogliersi, dopo che gli “scienziati” del clima sono stati colti in flagrante a consigliarsi in internet su come taroccare i dati che non sostenevano le loro ipotesi di riscaldamento globale (il famoso Climagate, già dimenticato), ed altri simili episodi di malascienza, l’ambientalismo come strumento di terrore e dominio totalitario era in pieno declino ed oggetto di derisione, almeno dalla parte meglio informata dell’opinione pubblica.

E che dire del generale riscaldamento dell’atmosfera di Marte e degli altri pianeti del Sistema solare, prova evidente che i paventati cambiamenti climatici dipendono, se mai, dall’attività solare? Ma chissà quante belle macchinette e quante belle fabbrichette ci sono su Marte!

E che dire del fatto che la foresta amazzonica non può essere “il polmone del pianeta” (gli ambientalisti sono specialisti di frasi ad effetto) perché consuma quasi tutto l’ossigeno che produce? Gli alberi sono formati in massima parte di cellule non fotosintetiche, le quali tuttavia respirano e quindi consumano ossigeno, per cui nessuna foresta può essere “il polmone del pianeta”. L’ossigeno che respiriamo viene quasi esclusivamente dalle alghe, specie quelle microscopiche, formate da cellule fotosintetiche produttrici di ossigeno, di cui ne consumano pochissimo. Durante le età glaciali le foreste erano pressoché scomparse e l’ossigeno nell’atmosfera non è affatto diminuito.

E che dire del fatto che sulla Terra esistono fonti gigantesche di anidride carbonica (oltre diecimila vulcani, dei quali il 96% sottomarini, più 65 mila chilometri di dorsali oceaniche attive), mentre gli imbroglioni sostengono che l’anidride carbonica aumenta solo per “colpa” dell’uomo? Ed è poi tutto da dimostrare che un simile cambiamento sia necessariamente negativo.

Fallimento su tutta la linea per i talebani dell’ambientalismo. Ma i padroni del mondo non potevano tollerarlo. Ed ecco allora il terrorismo mediatico-sanitario che arriva alla riscossa, e gli ambientalisti che blaterano: “Questa è un’occasione d’oro per imporre alla gente il vivere verde”.

Notare che si vuole IMPORRE, distruggere l’economia per schiavizzare ancor più l’umanità sotto il tallone degli usurai mondialisti, i quali pretendono ossessivamente che “siamo troppi, siamo troppi, siamo troppi…”, e si propongono di ridurre la popolazione mondiale a un miliardo o anche meno (è tutto scritto in innumerevoli dichiarazioni ai giornali). E degli altri sei miliardi e mezzo che ne facciamo? Li sterminiamo per fame bloccando tutte le attività che danno da vivere alla gente? Sei miliardi e mezzo, anche sette: questo si che è pensare in grande! In confronto, Hitler e Stalin con le loro poche decine di milioni di vittime erano dei dilettanti.

Ci sono “scienziati” che sostengono l’ambientalismo e la necessità di chiudere tutto e paralizzare tutto? Certamente: sono pagati per questo. Ma molti più scienziati indipendenti e onesti sostengono il contrario sfidando gli insulti e senza prospettive di guadagno, solo che non li fanno parlare in televisione.

E voi indignati speciali contro Mancini, dite un po’: forse che Bill Gates, George Soros, i Rothschild, i Rockefeller, e gli altri mondialisti, vi pagano? O gli fate da spalla gratuitamente?

Provate a fermarvi un attimo a riflettere.

Siete voi quelli che insultano i morti: tutti i morti per mancanza di cure a causa dell’isterismo covid che ha fatto trascurare tutte le altre malattie. E insultate pure i disoccupati che hanno perso il lavoro e non sanno più come pagare l’affitto e dar da mangiare ai figli, e tutto per le demenziali misure del peggior governo che l’Italia repubblicana abbia mai avuto.

Mancini non doveva scusarsi. Aveva mille volte ragione. Io non mi scuserò di certo.


  •  
  •  
  •  
  •