I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

Tag: satanismo

IL BESTIARIO

Dal sito: IL BESTIARIO NEOBORBONICO
LA STORIA DELL’UNITÀ D’ITALIA E LE SUE FAKE NEWS
Intervista all’Avv. Tanio Romano, presentato come autore del libro: “La grande bugia borbonica: la verità che smonta tutte le fake news contro il Risorgimento” Storico Presidente Nazionale dei Giovani Avvocati italiani (U.G.A.I.), studioso risorgimentalista e scrittore.

Partendo da questa intervista, si è avviato il dialogo che segue, iniziato dal sottoscritto in toni assolutamente pacati e suggerendo un semplice approfondimento storico e immediatamente degenerato per le reazioni isteriche dei fan del mito risorgimentale e dei regimi che ne sono scaturiti.

Emilio Biagini – Sarebbe necessario informarsi sulla prima vittima del “risorgimento” sabaudo-massonico: Genova (vedi ad esempio il romanzo storico NONNA NON RACCONTAVA LE FAVOLE di M.A. Novara). È una storia tragica e dimenticata, questa di Genova, che rispecchia quello che sarebbe stato il risorgimento, e che fa da preludio a tutte le altre tragedie (Modena, Parma, Toscana, Roma, Regno delle Due Sicilie). Né è lecito dimenticare le furiose persecuzioni contro la Chiesa e lo squallido coinvolgimento della massoneria britannica nello stupro dell’Italia (basti pensare ai tre milioni di franchi messi a disposizione dalle logge della sola Edimburgo per corrompere le forze armate del Regno delle Due Sicilia). Di fronte all’accumularsi di prove che dimostrano come la storia ad usum delphini sia falsa, è logico che qualcuno cerchi di invertire la tendenza e di ripristinare la vecchia e screditata versione, ma non convince.

Leggi tutto

MANCINI, HAI FATTO MALE A SCUSARTI

Mancini aveva ragione. Ha fatto solo male a scusarsi di fronte alle urla isteriche dei covidioti.

Bisogna essere cretini o in malafede, o tutt’e due, per non vedere che la “pandemia” è fabbricata a tavolino, che si tratta di terrorismo mediatico-sanitario, che la reazione frenetica alla “pandemia” ha fatto e sta facendo molto più danno della malattia stessa.

La strategia dei delinquenti è la solita: il terrore, facile ad ottenersi avendo il controllo dei mass media. Solo insulti a chi non ci casca, come in tutte le dittature.

Leggi tutto

ORO O LATTA (PHILIPPE DE VULPILLIERES, L’HOMME TUE ET LA FEMME REND FOU)

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

And the winner is …….

Ben meritevole dell’aquila d’oro, ecco a voi:

Philippe de Vulpillières (2017) L’homme tue et la femme rend fou. Comprendre l’architecture de la Société du Suicide, essai, Le Retour Aux Sources

I dati sull’autore, tratti da internet (Babelio.webarchive), ci informano che “Philippe de Vulpillières, nato il 17 novembre 1972, è diplomato alla prestigiosa International Business School di Parigi. Dopo essere stato un giovane leone delle notti parigine fino alla fine degli anni ‘90, ha lasciato la capitale francese per trasferirsi a La Valletta (Malta), e si è dato alla vita ascetica ritmata dalla preghiera, dal digiuno, dal volontariato e dallo studio critico delle attutali credenze occidentali. Risiede attualmente a Genova. L’homme tue et la femme rend fou è il suo primo libro.”

Leggi tutto

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

lectus neque. libero venenatis, porta. Praesent dolor libero Aenean ut vel,