•  
  •  
  •  
  •  

ORO O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_vipera

-Figura_vipera

And the winner is …….

Ecco il vincitore della prossima DOPPIA Vipera di latta:

 

 

 

Come riconosciuto perfino dal quotidiano di sinistra Süddeutsche Zeitung, la lobby ebraica americana ha gravemente pesato sulla regia di Christian Stückl, che ha profondamente alterato i testi di base del parroco Joseph Daisenberger (1799-1883), per togliere la presunta traccia di “antisemitismo”.

Nella realtà evangelica Cristo fu sballottato da un “giudice” all’altro, mentre nella rappresentazione i “giudici” sono tutti ammucchiati insieme.

Vi è una grande insistenza sui collegamenti con l’Antico Testamento, ma presentata in modo che non sembri che Cristo fosse giunto a realizzare la Promessa e a fondare il Cristianesimo, ma solo a “rinnovare l’ebraismo” (sic).

Inutile manipolare la storia: la verità salta sempre fuori.

E allora non sarebbe più semplice dire la verità, e cioè che i sadducei che dominavano il Sinedrio e fecero condannare Gesù non erano veri ebrei? Non credevano neppure all’immortalità dell’anima. Che razza di credenti erano? Senza fede nell’immortalità dell’anima non si può essere né cristiani, né musulmani, né ebrei. E il libro dell’Apocalisse intende indicare proprio miscredenti del genere quando parla di “coloro che credono di essere ebrei e non lo sono”.

 


  •  
  •  
  •  
  •