•  
  •  
  •  
  •  

ORO O O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA

Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila

And the winner is …….

Ecco il vincitore della prossima Aquila d’oro:

Un nuovo avvincente giallo storico ambientato nella Milano del Cinquecento, al tempo del grande e santo Cardinale Carlo Borromeo e durante una tremenda epidemia di peste.

 

Recens.FrancoForte-Ira Domini

 

FRANCO FORTE, Ira Domini, Edizioni Mondadori, Milano, 2014.

Questo nuovo giallo si dipana in due giorni, 27 e 28 ottobre 1576, in una Milano in cui la peste va lentamente scemando. Protagonista è ancora una volta, come ne Il segno dell’untore, il notaio criminale Nicolò Taverna che, con la consueta acuta intelligenza, dipana la complicata matassa di un caso che sembrava insolubile. Infatti le cose non sono affatto come sembrano, e ciò apre la strada a sensazionali colpi di scena. La trama è molto ben congegnata e lo stile, come sempre, robusto. Anche qui, accanto al caso principale, se ne dipana un altro secondario e si ha poi l’unificazione finale dei due filoni narrativi.

Tuttavia, venendo a mancare la novità, per chi ha già letto il libro analogo precedente che apre la serie, si ha un certo senso di dejà-vu. Inoltre il personaggio di Isabella, sempre tra i piedi durante le investigazioni, mettendo anche a rischio l’incolumità degli uomini incaricati delle indagini, costituisce un vero fastidio anche per i lettori. Ciò non toglie, comunque, che si tratti di un romanzo veramente affascinante e divertente.

Il libro si conclude con il capitolo introduttivo del prossimo racconto della fortunata serie, nella quale speriamo che Isabella resti in casa a ricamare con la mamma.

MARIA ANTONIETTA NOVARA BIAGINI

 


  •  
  •  
  •  
  •