•  
  •  
  •  
  •  

I pinguini questa volta erano veramente incazzati. Avevano sopportato navi da crociera sempre più grandi, branchi di bipedi sempre più numerosi e vocianti che passeggiavano intorno ai loro nidi e, petulanti e invadenti, se li additavano maleducatamente l’un l’altro sghignazzando: “Uh, quello lì com’è buffo”, “Guarda quello lì che fa la cacca”, “Ma quello la fa rosa e quello la fa bianca”, “Ma che puzza che c’è”. Oltre ai turisti cominciarono anche a sbarcare sempre più numerosi studiosi dello scioglimento dei ghiacci. E tutte quelle navi e tutti quegli Zodiac, con il calore generato e con il movimento delle eliche causavano il distacco di sempre maggiori blocchi di ghiaccio.
Ascoltando i discorsi dei bipedi, vennero anche a sapere di essere diventati i protagonisti della pubblicità di una pastiglia miracolosa che procurava scorregge immense, in grado di far ghiacciare estese porzioni di territorio, ma nessuno aveva chiesto il loro permesso né pagato loro diritti d’immagine. I pinguini, perciò, escogitarono un piano. La voce si sparse da una colonia all’altra. Organizzarono gruppi di osservazione dei bipedi invasori nelle varie zone di sbarco. Individuati gli zainetti, vennero in possesso della miracolosa pastiglia. Tutti insieme escogitarono la riscossa.
Come un sol pinguino, ad un segnale convenuto, inghiottirono la magica pozione, alzarono una zampa palmata e scaricarono tutto il loro furore. Risultato: la banchisa avanzò di quaranta miglia. Andarono disperse dieci navi da crociera, di cui cinque di oltre trentamila tonnellate di stazza l’una. Sparirono ottomila croceristi, una trentina di spedizioni di “Greenpeace,” WWF, “Aiutiamo il panda”, “Protocollo di Kyoto”, ambientalisti verdi e arcobaleni. Vennero ricoperte una quindicina di basi scientifiche e i pinguini, finalmente in pace, si sdraiarono sulla banchisa fumando le pipe e i sigari sottratti ai bipedi sconfitti e, soffiando volute di fumo, esclamarono: “Questo sì che è un ecosistema sostenibile. Viva l’ambiente”.

MARIA ANTONIETTA NOVARA BIAGINI


  •  
  •  
  •  
  •