•  
  •  
  •  
  •  

“A Pasquì, ‘na Chiesa vo’ annà d’accordo co’ tutti come se chiama?” “Se chiama sale insipido, Romolé.”

“A Pasquì, ma perché hanno taja’ da’a Bibbia tutti li brani su li froci?” “Nun so, ma de sicuro così je sarà più facile fotterse li regazzini.”

“A Pasquì, c’ha detto a’a Chiesa da’a questioncella morale che se dibatte da anni?” “Ha detto: sì, no, ni so, bah!” “Allora ce stanno lavoranno.”

“A Pasquì, che a’a Chiesa ci ha risolto a’a questioncella?” “Sì, hanno trovà a’a risposta definitiva.” “E che d’è?” “SNO.” “E che vor di’?” “E chi ce lo sa? Ma poi chi semo noi pe’ giudica’?”

“A Pasquì, ma che succede se a-a massoneria se impadronisce der Vaticano?” “C’è sta già dentro seduta comoda, Romolé.”

“A Pasquì, te che ce le sai le cose, spiegame un po’ che differenza ce sta intra a’a autorità costituita e a’a mafia.” “A’a mafia se fa pagà a’a protezione e te protegge pe’ davero, a’a autorità se fa pagà salato e te lassa dint’a a’a mmerda, Romolé.”

“A Pasquì, spiegame un po’ che bisogno c’era de massacrà a’a Chiesa pe’ fa’ l’Itaglia unita?” “Ma Romolé, nun l’hai capito ancora che de l’Itaglia nun jene fregava ‘na mazza? A quei signori je premeva proprio de sfascià a’a Chiesa.”

“A Pasquì, ma come pensavano de fa’?” “I fi’j de mignotta capivano solo a’a forza, e credeveno che, senza er potere de ‘nu stato, a’a Chiesa sarebbe crollata, Romolé.”

“A Pasquì, ma perché sfascià a’a Chiesa?” “Perché l’impero universale britannico n’avrebbe preso er posto, Romolé.”

“A Pasquì, ma che je fregava a l’inglesi de magnasse tutto er monno?” “Che voi che te dica, Romolé, je perché so’ li novi Unni.”

“A Pasquì, e mo’ li mericani vonno fa’ come l’inglesi, cioè magnasse tutto er monno?” “Naturale, Pasquì, bon sangue nun mente.”

“A Pasquì, ma che ja aveva fatto Pio Nono a ‘sti liberali?” “A Romolé, e che j’aveva fatto Abele a Caino?”

“A Pasquì, ma perché, in ta’a Repubblica Romana, Mazzini ha cacciato e’e suore da li spedali e cià messo invece donne de malaffare?” “Perché malaffare chiama malaffare, Romolé.”

“A Pasquì, ma perché er primo ch’entrato a Porta Pia dopo li bersaglieri era uno che stava a venne Bibbie protestanti?” “Perché nun ce potevano fa’ diventà démoni de chioppo, Romolé. Ma speraveno de portacce a poco a poco ner girone loro.”

“A Pasquì, ma perché l’italiani scapavveno da l’Itaglia gloriosamente risorta cor risorgimento?” “Se vede che ce staveno troppo bbene, Romolé.”

“A Pasquì, ce lo sai che li padroni der monno dicono che semo troppi?” “Proprio così, Romolé, dovemo calà a quattrocento milioni.” “E come se fa?” “S’accoppeno tutte e’e creature prima che nascheno, ecco come, Romolé.”


  •  
  •  
  •  
  •