•  
  •  
  •  
  •  

“A Pasquì, perché indo’ se riunischeno li ministri se chiama gabinetto?” “Perché dellì solo cagate escheno, Romolé.”

“A Pasquì, quann’è che se svejeno ‘sti preti?” “Ott’ore dopo c’ha cantato er gallo, Romolé.”

“A Pasquì, ched’è ‘sta lucetta là in fonno a’a chiesa che vacilla e se sta a spegne?” “È a’a Fede, Romolé.” “E perché se sta a spegne?” “Perché li preti se so’ venduti l’olio.”

“A Pasquì, te che ce la sai l’istoria… Ma nun c’era uno che diceva che a’a Chiesa nun ci aveva più nemici?” “Che voi che te dica, Romolé, de matti è pieno er monno. Purtroppo ogni tanto quarcuno diventa pure papa.”

“A Pasquì, ce lo sai che la mi’ comare Sofonisba riceve messaggi celesti e ‘na Voce dar cielo j’a detto che li prelati so’ quasi tutti giuda e puzzoni?” “A Romolé, ma che bisogno c’era de ‘na voce celeste pe’ sapé ‘sta cosa?”

“A Pasquì, ce lo sai che differenza ce sta tra er pizzicagnolo e a’a religione?” “Che se er pizzicagnolo fa sconti vor di’ che je conviene, mentre se li fa a’a religione vor dì che li preti nun c’hanno più e’e palle, Romolé.”

“A Pasquì, dice che ner Giudizio de Michelangelo ce stanno du’ froci che se stanno a bacià.” “E indo stanno? All’inferno?” “No, no, dice che stanno proprio a entrà ner paradiso.” “E li preti che dicheno?” “Niente, se stanno a bacià.”

“A Pasquì, ce lo sai de come se fa a nun cadé mai.” “Semplicissimo, fa come li preti de casa nostra: striscia.”


  •  
  •  
  •  
  •