•  
  •  
  •  
  •  

 

Nel convento servita di Viareggio si praticava lo spiritismo, ritenuto “scientifico”, e i Serviti volevano appunto travestire l’Opera come “scientifica”, ossia spiritistica”, in barba alle ripetute condanne della Chiesa allo spiritismo. Di qui indegne pressioni sulla Valtorta, la quale aborriva lo spiritismo e insisteva che l’Opera non le apparteneva, perché era di Chi gliel’aveva dettata. I Serviti giunsero a negare la Comunione frequente alla veggente malata e costretta a letto.

Nonostante tutto, l’imprimatur stava per essere concesso, quando fu bloccato da una denuncia al Sant’Uffizio da parte di un gerarca Servita (la Valtorta per carità ne tace il nome). Stanco dell’insistenza di Padre Corrado Berti che intercedeva per la Valtorta afflitta da atroci sofferenze fisiche, sospetti, insulti, infinite tergiversazioni, tentazioni diaboliche, nonché dalla povertà, costui denunciò l’Opera per mancata acquisizione dell’imprimatur, dopo che egli stesso ne aveva ostacolato la concessione.

La messa all’Indice condizionò tutti i successivi tentennamenti vaticani. Intanto, siccome riguardava i volumi, vi erano chierici che li smontavano e leggevano tranquilli i fascicoli staccati, tanto la messa all’Indice fu presa sul serio. La veggente avrebbe avuto ogni vantaggio ad accettare le proposte dei Serviti pubblicando col proprio nome, come la tentava a fare il diavolo.

Mentre questo avveniva, l’imprimatur fu elargito a un certo Caius, il cui libro metteva in dubbio la perpetua verginità della Madonna, mentre alcuni monsignori della Curia romana si dicevano pronti a concedere permessi di pubblicazione in cambio di grosse mazzette. Queste sono le circostanze, ben documentate ma “stranamente” poco note, della messa all’Indice, che si pretende presa “dopo ponderate motivazioni” (sic).


  •  
  •  
  •  
  •