•  
  •  
  •  
  •  

IL CERVELLONE DEFUNTO

 Ecco il matto stalinista copia 

 

Scena:

A spasso per la Russia in lieta comitiva.

Monologhi a getto continuo del vecchio Pierino, nostalgico dei bei tempi, quando c’era Lui.

 

O ‘he tu disci? Han fatto benissimo a demolire le hiese. La religione l’è l’oppio de’ hopoli.

E io so’ democratiho e se te scià coraggio de di’ che so’ ‘n pagliascio ti haglio la hola.

E huando scera Lui… Lui sì he te li metteva tutti a posto. E Baffone te li mandava tutti in Siberia he ‘un scera proprio nulla da scherzare.

E la storia ‘un si po’ miha hancellare. Eh no, la storia gloriosa dell’Urss ‘un si hancella!

E il povero Scerscinski l’è morto giovane purtroppo, e n’ha potuto fuscilanne solo un milione!

E lì scè ‘na statua de Ulianoffe, il grande Lenin. Lui sì ch’aveva hapito tutto. E ‘he scervello sciaveva Lenin! E l’era il più grande scervello di tutti i scervelli.

 

E io ‘un so’ miha grullo, che sciò un scervello che fa faville, ma ora mi rahholgo un po’ di fiori dall’aiola, he tanto l’è ‘n aiola capitalista, miha come quelle del tovàriscio Stalin.

 

 E io mance ai tovàrisci lavoratori nunne vo’ dare: ‘he se ‘un son pahati abbastanza ‘he fasciano sciopero, hòvvia!

 

E se mi harba un giorno o l’altro tutti in Siberia vi mando… Tutti in Siberia…

E te hosa sciai da ridere, ‘he ti mollo un halcio ‘he ti spedisco fino a Novosibirske.

E sciò letto mille libri grossi de scinquescento pagine ‘he un gli eran miha come leggere ‘n giallo, ma io sciò un scervello che fa faville, e sciò solo la prostata ’he fa hapricci, ma hon tre hili di pomodori sistemo tutto.

E te non ridere, ‘he ti spedisco a halci fino a Vladivostokke.

E ora vo’ al Mausoleo a hiacchierare holla Mummia.

 

Così, dopo dieci giorni di queste istruttive e raffinate esternazioni, il cervellone nostalgico, immerso nel reverente colloquio con la Mummia, dimenticò di uscire dal Mausoleo. Fu un epico incontro al vertice di cervelli al medesimo stato di conservazione.


  •  
  •  
  •  
  •