I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

Anno: 2008 (Pagina 3 di 3)

GARIBALDI? MA È DAVVERO ESISTITO?

      La schiatta dei Garibaldi, di probabili quanto oscure origini longobarde, pare fosse insediata nella mitica città di Nizza che, a detta di taluni archeologi, si troverebbe da qualche parte sulla costa mediterranea, mentre secondo altri sarebbe nell’interno, forse nel Monferrato. Pare che, verso gli inizi del secolo diciannovesimo, diversi Garibaldi fossero battezzati col nome Giuseppe, che forse era il nome del nonno paterno, o di quello materno, o di tutti e due, o di nessuno dei due.

Leggi tutto

L’UMANITÀ DIVISA

Quando Noè uscì dall’arca e divenne il primo produttore di vino, essendo ancora poco abituato all’emozionante liquore, si addormentò scarsamente coperto. Pare che due suoi figli abbiano preso la cosa abbastanza sportivamente, mentre il terzo manifestò in modo sarcastico la sua disapprovazione. Erano così nati i due principali rami dell’umanità: quelli che sanno vivere e i puritani integralisti.
MARIA ANTONIETTA NOVARA BIAGINI

 

Leggi tutto

PINGUINI ALLA RISCOSSA

I pinguini questa volta erano veramente incazzati. Avevano sopportato navi da crociera sempre più grandi, branchi di bipedi sempre più numerosi e vocianti che passeggiavano intorno ai loro nidi e, petulanti e invadenti, se li additavano maleducatamente l’un l’altro sghignazzando: “Uh, quello lì com’è buffo”, “Guarda quello lì che fa la cacca”, “Ma quello la fa rosa e quello la fa bianca”, “Ma che puzza che c’è”. Oltre ai turisti cominciarono anche a sbarcare sempre più numerosi studiosi dello scioglimento dei ghiacci. E tutte quelle navi e tutti quegli Zodiac, con il calore generato e con il movimento delle eliche causavano il distacco di sempre maggiori blocchi di ghiaccio.
Ascoltando i discorsi dei bipedi, vennero anche a sapere di essere diventati i protagonisti della pubblicità di una pastiglia miracolosa che procurava scorregge immense, in grado di far ghiacciare estese porzioni di territorio, ma nessuno aveva chiesto il loro permesso né pagato loro diritti d’immagine. I pinguini, perciò, escogitarono un piano. La voce si sparse da una colonia all’altra. Organizzarono gruppi di osservazione dei bipedi invasori nelle varie zone di sbarco. Individuati gli zainetti, vennero in possesso della miracolosa pastiglia. Tutti insieme escogitarono la riscossa.
Come un sol pinguino, ad un segnale convenuto, inghiottirono la magica pozione, alzarono una zampa palmata e scaricarono tutto il loro furore. Risultato: la banchisa avanzò di quaranta miglia. Andarono disperse dieci navi da crociera, di cui cinque di oltre trentamila tonnellate di stazza l’una. Sparirono ottomila croceristi, una trentina di spedizioni di “Greenpeace,” WWF, “Aiutiamo il panda”, “Protocollo di Kyoto”, ambientalisti verdi e arcobaleni. Vennero ricoperte una quindicina di basi scientifiche e i pinguini, finalmente in pace, si sdraiarono sulla banchisa fumando le pipe e i sigari sottratti ai bipedi sconfitti e, soffiando volute di fumo, esclamarono: “Questo sì che è un ecosistema sostenibile. Viva l’ambiente”.

Leggi tutto

ORO O LATTA? CROCIATA PER IL GRAAL (VASSALLO & FRANZO)

ORO O LATTA: QUESTO È IL PROBLEMA
Abbiamo deciso di premiare con opportuni segni del nostro apprezzamento le opere letterarie e cinematografiche che hanno attratto il nostro interesse. Questa rubrica viene aggiornata quando ci pare e il nostro giudizio è inappellabile.

I TRIGOTTI

-Figura_aquila

Assolutamente meritevole del riconoscimento, è questo puntuale sudio della realtà anticristica del mondo contemporaneo:

VASSALLO P. & FRANZO G. (2008) Crociata per il Graal (Introduzione di A. Pertosa), Pinerolo, NovAntico Editrice

Leggi tutto

ULTIMISSIME SU COLOMBO

Ultimissime su Colombo, non il tenente, ma proprio Cristoforo, quello che si dice abbia scoperto l’America.
Dopo le ultime mirabolanti ricerche di una illustre storica spagnola, che avrebbero dimostrato come lo scopritore sarebbe nato a Sanluri (a proposito, dov’è Sanluri?) e avrebbe appreso le sue profonde conoscenze astronomiche e nautiche vagando per il Campidano, ecco scaturire, dai mitici archivi mercantili genovesi, l’ultima e definitiva verità.
È noto che i genovesi sono quanto mai riservati, specie quando ci  sono di mezzo le palanche, e che in passato essi hanno raggiunto tutte le parti del mondo possibili e immaginabili, senza mai darne notizia ad alcuno, per accumulare palanche in santa pace senza il timore della concorrenza. Centinaia, forse migliaia, di genovesi compirono viaggi come quello di Marco Polo, ma si guardarono bene da spifferare quello che avevano visto. In compenso, dopo aver catturato Marco Polo, gli misero come compagno di cella un certo Rustichello da Pisa, leggermente grafomane, per spremergli tutte le informazioni che potevano.
In America, i genovesi ci andavano a commerciare e a fare palanche molto prima della Scoperta. Infatti, quando i primi vichinghi toccarono le rive del nuovo mondo, si videro offrire dagli indigeni un piatto di trenette col pesto. Dai documenti appare inoppugnabile il fatto che Cristoforo Colombo non fu che uno dei molti genovesi nati in America. I suoi genitori, infatti, avevano lo scagno a Columbus Circle. Stufi di averlo sempre tra i piedi, un giorno gli dissero:
— Basta fare il bamboccione per casa. Vattene in giro per il mondo a guadagnare palanche per conto tuo. —
Invece di “buscar el poniente por el levante”, il giovane Cristoforo andò “buscando el levante por el poniente”. Infatti, dall’America, andò a scoprire la Spagna. Qui giunto, si cambiò il nome in Cristobal, per il gran numero di balle che si mise a raccontare. A forza di balle, Cristoforo riuscì a persuadere i reali di Spagna che andando a ponente invece che a levante c’era da fare una grandiosa scoperta.
In realtà, da buon genovese, aveva solo scoperto il modo di tornare a casa gratis.
Siamo orgogliosi dei risultati di queste profonde ricerche storiche, grazie alle quali la storiografia italiana delle esplorazioni geografiche si eleva allo stesso eccelso livello dell’analoga storiografia spagnola.

Leggi tutto

ATTRIBUZIONE DI ONORIFICENZA AL MERITO

GROTTESCA BANDA DI BURATTINI,
CON SUPREMO SPREZZO DEL RIDICOLO,
CREDEVA DI APRIRE UNA NUOVA ERA,
E INAUGURAVA L’ETÀ DEL VESPASIANO.

Leggi tutto

RECENSIONE DI “AMBIENTE, CONFLITTO E SVILUPPO”

AMBIENTE, CONFLITTO E SVILUPPO
di Emilio Biagini (Genova. Ed. E.C.I.G., 2a ed., 2007)

Recensione di Guido Milanese
Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

Una lettura di quest’opera affidata ad uno studioso di altre discipline rispetto a quelle professate dall’autore può rivelarsi utile perché l’interesse  del volume consiste appunto non, banalmente, nel suo essere “interdisciplinare” (affermazione che è spesso una comoda scusa per giustificare la superficialità) ma nel collocare in sistema un ventaglio di competenze assolutamente non comune in un tempo di specialismi sempre più ferocemente autoreferenziali  . Dire che si tratta di un libro di storia della cultura è una definizione ragionevole, ben radicata nelle discipline praticate dall’autore. Insomma, domande diverse che rivelano la radice in una domanda comune, che è infine la dimensione storica (almeno per il presente lettore)  . “Ambiente” come spazio dell’uomo, “sviluppo” come concetto chiave che si oppone alla banalizzazione del “progresso” come chiave di lettura, consolantemente rettilinea, della storia, “conflitto” come luogo del rivelarsi delle tensioni ed emergere di spinte nuove: questi sembrano i concetti chiave del testo.
Ho volutamente usato la parola “testo”, intendendo richiamare il “libro di testo”; e in effetti diverse sezioni dell’opera rivelano un’origine (e anche una destinazione) di tipo didattico  . Ma non si tratta di un male, sibbene di un modo di rivelarsi della vocazione “unitaria” del Biagini, che si manifesta in capitoli apparentemente ‘digressivi’, quali quello sulla diffusione del Cristianesimo (I vol., pp. 468 sgg): come interpretare fatti come la distruzione dei monasteri, per esempio, senza capire le ragioni del vero e proprio odio antimonastico degli ambienti protestanti anglicani? sicché l’opera si presenta insieme come manuale e come “libro della vita” – il libro, che qualunque vero studioso prima o poi scrive, nella quale si condensa una visione del mondo e della propria disciplina: basti pensare ad esempio a Storia della tradizione e critica del testo del Pasquali, un’altra opera a suo modo “monumentale”, insieme sommamente didattica e sommamente scientifica.

Leggi tutto

ORO O LATTA? (REINHARDT O. HAHN)

Mentre da una parte il protagonista racconta con agghiacciante indifferenza verso le vittime, le proprie gesta, dall’altra non fa che piangersi addosso per il destino “cinico e baro” che lo ha improvvisamente privato della sua funzione e dei suoi privilegi di spia, repressore e persecutore, lo ha scacciato da un posto lungamente desiderato e da un lavoro che gli piaceva profondamente, e di cui racconta con soddisfazione tutti i meschini particolari. La “confessione” è spesso disordinata, mescola la descrizione dello sfacelo del suo servizio, al quale sta assistendo, con reminiscenze del passato, con sviolinamenti al mitico partito, giudizi buoni o cattivi sui colleghi, lusinghieri giudizi su se stesso, chiacchiere varie, ed improvvise incertezze, come se d’un tratto avesse dei dubbi di aver davvero sbagliato tutto.
Indirettamente, e involontariamente, egli dimostra tutta l’inutilità, tutto il girare a vuoto di un regime condannato in partenza, senza veri contatti col popolo: un regime in cui gli stessi delatori facevano il doppio gioco, avvisando le potenziali vittime e mettendole in guardia in modo che non si esponessero troppo, così che i “documenti” (ossia gli archivi delle delazioni ricevute sulle singole persone) si accumulavano, gonfiavano a dismisura, senza che fosse possibile trovare prove tali da schiacciare l’opposizione che serpeggiava ovunque. Il comunismo è per definizione (vedi “Il libro nero del comunismo”) un regime nemico del proprio popolo, ed è inevitabile che un regime del genere faccia paura ed abbia a sua volta paura. La Stasi “aveva paura del popolo”, dice l’estensore di questa “confessione”.
Ma in altri momenti, impenitente, si dichiara graniticamente persuaso che il “socialismo” avrebbe vinto se tutto il popolo fosse stato animato dal medesimo zelo che animava il servizio segreto. Oppure, ribaltando tutte le sue “convinzioni”, dice che qualsiasi Stato ha bisogno di un servizio segreto e, scopertamente, si manifesta pronto a servire qualunque Stato, di qualsiasi persuasione politica, purché lui possa continuare a fare in qualche modo il suo “lavoro” di spia e agente provocatore, che evidentemente gli piace e gli interessa tanto.
Il quadro storico d’insieme è chiaro. A partire dal trattato di Helsinki del 1975, il governo di Mosca, ossia in pratica la nomenklatura del partito comunista sovietico, fu costretta dall’inefficienza economica e dal malcontento sociale generati dal proprio regime, a venire a patti con l’Occidente. Proprio nel momento in cui cadeva il Vietnam e il comunismo sembrava dilagare in Africa, era stato raggiunto un massimo di espansione, che preludeva al declino. Proprio quando i corifei del marxismo, inclusi non pochi geografi, si sprecavano in “analisi marxiste” della situazione mondiale e in “profezie” sulla prossima, inevitabile “transizione dal capitalismo al socialismo”, proprio allora stava preparandosi il crollo. Ma i corifei, poveretti, continuarono a cantare le stessa solfa fino a quando il Muro di Berlino gli crollò sulla testa. Erano tanto intenti a spiegare cambiamenti che non stavano affatto avvenendo, e non avevano alcuna probabilità di verificarsi, da non accorgersi dei cambiamenti che stavano avvenendo sotto i loro occhi foderati di mortadella.
La nomenklatura moscovita fu costretta ad accettare concessioni che finirono per distruggerne il potere. Il blocco sovietico, mummificato dalla burocrazia e privo di spinta imprenditoriale ed innovativa, non era in grado di competere con l’Occidente sul piano economico. Tutto ciò impediva all’impero sovietico anche di tener dietro agli Stati Uniti nella corsa agli armamenti, da cui la prospettiva di una sicura sconfitta in caso di guerra aperta. Fra l’altro, storicamente, le forze armate russe, invincibili sul proprio territorio, hanno vinto al di fuori di esso soltanto quando appoggiate da potentissimi alleati. I movimenti terroristici e “pacifisti”, per quanto abbondantemente foraggiati dai servizi segreti dei Paesi dell’Est (mentre folle di sudditi di quei Paesi soffrivano il freddo e la fame), si rivelarono incapaci di arginare la superiorità militare dell’Occidente, che cresceva senza costare alle prospere economie occidentali, e soprattutto a quella degli Stati Uniti, consistenti sacrifici economici.
Chi, come il sottoscritto, non ha mai creduto nel trionfo e nella validità teorica del marxismo-leninismo, in qualunque forma, ha potuto toccare con mano quanto le sue persuasioni fossero fondate. Sconfitti su tutta la linea, ai teorici dello sfacelo occidentale non è rimasto che rifugiarsi nel “pensiero debole”, nell’ecologismo, nel filo-islamismo, nell’omosessualismo, nel terzomondismo, e in quanti altri “ismi” avevano sotto mano.
L’imperialismo sovietico degli “uomini duri che non devono chiedere mai” annidati nel Cremlino ad un certo punto spingeva per una guerra decisiva contro il “nemico di classe”. E infatti, si sa oggi che la nomenklatura di Mosca considerò seriamente l’opzione di un attacco nucleare, ma abbandonò l’idea in base a semplici considerazioni climatiche, ossia tenendo presente il regime dei venti prevalenti: anche nel caso di un completo successo, che impedisse agli occidentali di replicare con le medesime armi, le conseguenze per l’Europa orientale e la stessa Russia sarebbero state comunque disastrose a causa delle ricadute di fallout radioattivo portate dai venti, soffianti appunto in netta prevalenza da occidente (Durschmied 2001). Come spesso avviene, il clima fu determinante per gli esiti politico-strategici.
A questo punto, chiuse entrambe le possibilità di sconfiggere l’Occidente, sia militarmente sia in competizione pacifica, e tenuto pure conto dell’esplosiva tensione sociale ed etnica dell’Urss e di altri Paesi comunisti, a cominciare dalla Jugoslavia (evidentemente le foibe non erano bastate), le sorti del blocco di Varsavia erano segnate. Gli osservatori più avvertiti se ne erano resi conto da lungo tempo. Basti pensare all’interrogativo posto da Amalrik (1970): “Sopravviverà l’Unione Sovietica fino al 1984?”. Il dissidente sovietico Andrej Amalrik, ben presto assassinato dal Kgb, non senza prima aver sperimentato le delizie delle carceri sovietiche, si è sbagliato di soli cinque anni.
Dovrebbe pur significare qualcosa il fatto che tutte le “profezie” di Marx e dei suoi seguaci, dall’“inevitabile” vittoria comunista alla “scomparsa della religione”, fino (idiozia delle idiozie) alla “scomparsa del romanzo perché si tratta di una forma di espressione tipicamente borghese”, sono pietosamente fallite; mentre, al contrario, le predizioni degli anticomunisti sul fallimento comunista si sono puntualmente realizzate.
Ma c’è di più. C’è purtroppo, qualcosa che frena i facili entusiasmi. L’Occidente è assai complesso, e nonostante che nel suo insieme sia democratico ed incompatibile con le dittature, parti importanti del mondo occidentale hanno mostrato fin da principio una curiosa tendenza ad aiutare piuttosto che a contrastare il comunismo. I burocrati d’ogni tipo e d’ogni livello, inclusi i baroni universitari, sono propensi più alla vita comoda del posticino di ruolo assicurato (magari da lasciare in eredità al figlio) che alla competizione, e questo ne fa spesso dei volonterosi corifei della sinistra. D’altra parte, i grandi speculatori finanziari e le grandi imprese multinazionali hanno sostenuto fin da principio la dittatura sovietica e le varie dittature comuniste. I motivi di ciò sono almeno due: i Paesi paralizzati da una dittatura non sono competitori pericolosi sul mercato internazionale, e i popoli schiavizzati sono eccellenti riserve di manodopera a buon mercato. I rapporti del grande finanziere americano Andrew Mellon con Stalin sono un ottimo esempio di questo sostegno. Negli anni Venti e Trenta del secolo scorso, in pieno regime fascista da una parte e comunista dall’altra, la Fiat non mancò di lavorare assiduamente per l’Urss.
Il protagonista di questo libro, che racconta in prima persona le sue esperienze, è ben lontano dall’avere una reale percezione del mondo che lo circonda. Per questo i cambiamenti lo colgono del tutto impreparato. Si sente tradito dal “partito” e dallo “Stato” che ha fedelmente servito, eseguendo gli ordini ricevuti da bravo piccolo burocrate della delazione e della repressione. Ma, nonostante le menzogne di cui il libro è pieno (e che vengono ben rilevate nella postfazione Hans-Joachim Hanewinckel), in qualcosa almeno è sincero, in modo quasi disarmante. Non ha l’animo del camaleonte politico, capace di proclamare sfrontatamente: “ma quello non era comunismo”. Il camaleonte che, purtroppo, invece, è così diffuso invece in Italia, e che pretende, con qualche piccolo cambiamento di nome e di simbolo, di rifarsi una “verginità” politica e ricominciare da capo, avvinghiato alla sacra poltrona.
No, questo piccolo sbirro della polizia segreta comunista è un poveretto che non ha capito nulla. È solo ossessionato dagli Andersdenkende, “quelli che la pensano diversamente (da ciò che è permesso)”, i dissenzienti. Per lui è ovvio che non sia lecito pensarla diversamente. Chi la pensa diversamente non farà mai carriera e, se ne ha fatta un po’, viene ricacciato nei lavori più infimi, quando non gli capita di peggio. Spiare, spiare, spiare: bisogna sapere tutto di tutti, e controllare, controllare, controllare, e incontrarsi coi delatori, e scrivere, scrivere, scrivere, montagne di relazioni spionistiche segretissime, di documenti riservati, di atti di indagini da tenere gelosamente chiuse in cassaforte. È un’ossessione.
Bisogna impedire che la gente pensi, perché le idee rappresentano un gravissimo pericolo: nuocciono al pensiero unico ammesso, scavano la fossa alla mummia dell’ideologia, e quindi allo “Stato”, quando lo “Stato”, alla fin fine, non è che la nomenklatura e i suoi privilegi parassitari, come lo stesso autore della “confessione” sembra accorgersi con disappunto, quando si rende conto che gli alti papaveri del caduto regime in qualche modo se la cavano sempre (alcuni capi dei servizi segreti dell’Est stanno addirittura meglio, passando ai servizi dell’Ovest che pagano molto bene), mentre lui e i pesci piccoli come lui restano senza lavoro, senza soldi ed evitati da tutti come se avessero la peste.
L’opera di spionaggio e repressione al servizio del regime non prendeva neppure in considerazione il crimine comune, e lo stesso faceva la magistratura. La sicurezza dei cittadini era un insignificante dettaglio. Non a caso, mentre la “magistratura democratica” dell’Urss e degli altri Paesi comunisti era spietata contro i dissidenti, era invece relativamente mite con i criminali comuni.
Sempre la stessa storia: l’isterismo “antifascista”, ossia il considerare “fascista” chiunque la pensi diversamente è parte integrante di questa mentalità. “Fascista”, come tutti i termini inflazionati, non significa più nulla: è solo un insulto comunista contro gli “Andersdenkende”. L’“Andersdenkend” viene deumanizzato, ridotto a “soggetto”. L’uomo vale solo nella misura in cui serve agli interessi della nomenklatura parassita: bersaglio di violenza anarcoide quando i parassiti rivoluzionari di professione lottano per conquistare il potere, e di violenza di Stato quando i medesimi parassiti hanno raggiunto il loro scopo e sono ormai in sella. Né può essere diversamente, se l’uomo viene considerato solamente materia, spogliato della dignità spirituale che gli è propria come immagine di Dio.
Conosce bene questa mentalità chi è stato testimone della bestialità del Sessantotto (accuratamente pianificata e che, come ormai è impossibile negare, aveva il sostegno dei servizi segreti dell’Urss e di altri Paesi dell’Est), della sistematica demolizione della scuola italiana da parte della sinistra, e delle difficoltà di far carriera se non si appartiene al “partito” (e si è costituzionalmente incapaci di tenere vigliaccamente la bocca chiusa), delle infami gesta delle brigate rosse (anch’esse sostenute dai servizi segreti dell’Est, e che ogni tanto si risvegliano, anche se di quei servizi non hanno più il sostegno), e della nebbia di “soccorso rosso”, di ipocrisia, di menzogna che le sosteneva e le sostiene. In tale liquame ideologico i terroristi rossi, tutt’altro che “poveri proletari”, ma al contrario di solida estrazione “borghese”, nuotavano, e nuotano, come pesci nell’acqua. E ancora: non dimentichiamo l’attentato al Papa Giovanni Paolo II, pianificato dai soliti servizi segreti e presentato, al solito, come gesto della mitica “destra” (“oh, povera polizia segreta bulgara, quanto ti hanno calunniati i fascisti!”).
Se la smemoratezza non fosse la vera arma dei posseduti dal demonio della mentalità totalitaria (come ben ricorda Hans-Joachim Hanewinckel nella sua postfazione), oggi dovrebbero far inorridire slogan come: “le sedicenti brigate rosse”, “in realtà sono brigate nere”, “no alla repressione”, e poi, quando non era più possibile nasconderne la vera matrice ideologica marxista del terrorismo: “sono compagni che sbagliano”. E infatti sbagliano, dal punto di vista strategico, perché il giudice politicizzato con le sue inchieste sugli “Andersdenkend” nostrani e i suoi processi in piazza, grazie a giornalisti compiacenti, anche esteri, serve alla “causa” molto più di un terrorista.
Recandosi oggi nei Paesi dell’Europa orientale, già oppressi dalla cortina di ferro, si trovano popolazioni ormai vaccinate contro il comunismo, che raccontano storie squallide e deprimenti sull’oppressione dittatoriale, poliziesca e giudiziaria della quale solo da poco si sono liberati, sebbene vi siano tuttora nostalgici dello Stato di polizia tuttofare, lo Stato che assiste il suddito dalla culla alla tomba, eliminando il problema di pensare e di provvedere a se stessi e dicendogli anche cosa deve pensare (secondo un recente sondaggio, nell’ex DDR, questi burocratico-dipendenti auto-condannatisi all’inettitudine sarebbero il 32% della popolazione).
Si tratta comunque di minoranze. In tutta Europa, ad avere un governo che ancora corteggia l’incubo comunista, è rimasta quasi solo l’Italietta. Non c’è da meravigliarsene: un paese provinciale e ritardatario preferisce la via di Zapatero e di Chavez piuttosto che quella delle grandi democrazie. Ma se il comunismo è un fallimento irrimediabile in Europa e altrove, lo stesso Occidente secolarizzato, nel suo edonismo cieco, nel suo disfacimento morale, nella sua esaltazione del vizio come fosse “libertà” e “virtù”, nel suo odio per la normalità, nella sua criminale persecuzione contro il valore supremo della famiglia, nel suo isterico relativismo che serve a liberarsi della scomoda realtà e in particolare degli scomodissimi Dieci Comandamenti, questo Occidente secolarizzato, nella sua precipitosa fuga dalle proprie radici cristiane, non è meno ripugnante, ed è un corruttore ancora più subdolo, della peggior dittatura di destra o di sinistra. Fra l’altro, nessuno pensa che questa nostra deriva morale ci sta esponendo ad un immenso e ben meritato disprezzo da parte di altre civiltà, come quella cinese e quella islamica, tanto per citarne due che non sono proprio delle più insignificanti.
Se Atene piange, Sparta non ride. Del resto, Sparta e Atene si sono alleate nell’opera di distruzione. Il comunismo odierno (o post-comunismo, comunque lo si voglia chiamare) ha abbracciato entusiasticamente l’edonismo occidentale, sprofondando nella grottesca transizione da “partito dei lavoratori” a partito delle più avventate minoranze e dei più singolari “orientamenti sessuali”, allo scopo di racimolare qualche voto in più.
È fonte di autentico scandalo che tanti esponenti del clero cattolico, inclusi vescovi e cardinali, si ostinino a vedere nei comunisti i “difensori dei poveri” invece dei difensori della (propria) poltrona o poltroncina, e si affannino a voler gareggiare in laicismo con i laicisti e in anticlericalismo con gli anticlericali. Questi sprovveduti (ma lo sono poi davvero, o è tutta una commedia di cosciente tradimento e sabotaggio?) prima sostengono più o meno apertamente i partiti anticlericali, poi fingono di meravigliarsi se questi approvano leggi violentemente distruttive della famiglia.
Possa questo agghiacciante documento servire a non far dimenticare, almeno a qualcuno, la vera immutabile natura del comunismo, e non solo di quello ma soprattutto della negazione di Dio in genere. Negare Dio non vuol dire “libertà di pensiero” o “libertà dalle superstizioni”. Negare Dio vuol dire cadere nelle peggiori superstizioni, perché chi non crede in Dio crede a tutto: ai falsi profeti, ad un aberrante neopaganesimo da bar che “divinizza” la natura, alle farneticazioni filosofiche (da secoli si cerca infatti di persuadere i Cristiani a rinunciare a ciò che hanno sotto gli occhi per attendere dai filosofi stessi chissà quali mirabolanti “rivelazioni”), ai tarocchi, ai fondi di caffè, a Freud (tanto comodo perché distrugge il senso del peccato sostituendolo con fantomatici “complessi”), al mago Otelma, alla strega Nocciola, al “maestro Do Nascimiento”, alle vendite televisive di Vanna Marchi, agli oroscopi, al “Codice da Vinci”, alla magia nera, ai “segreti” dei templari e dei rosacroce, al Grande Fratello, al malocchio, ai filtri d’amore, ai “paradisi artificiali”, alla setta della luna calante (che ti frega il portafoglio sull’istante), ai miti dell’acquario, ai tavolini che ballano e agli spiriti che parlano. Negare Dio non serve ad un’interpretazione “scientifica” della realtà, dall’alto della quale i suoi sostenitori possano divertirsi a “dare i voti” agli altri. Non si tratta di un’“idea”. La negazione di Dio è un’oscena bestemmia e un orrendo crimine contro l’umanità. Essa porta con sé la distruzione non solo spirituale, ma anche fisica dell’essere umano.

Leggi tutto

(Pagina 3 di 3)

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

nec felis ante. facilisis consequat. Donec ipsum ultricies dolor Donec Nullam