I Trigotti

Necessaria precisazione: e sia ben chiaro noi non siamo bigotti.

I Trigotti

Categoria: Caeli enarrant gloriam Dei (Pagina 3 di 3)

PRIMAVERA SILENZIOSA?

Come tutti i libri di favole, anche il celebre “Primavera silenziosa” di Rachel Carson, pubblicato nel 1962, e subito divenuto uno dei sacri testi dell’incipiente movimento ambientalista, inizia con “C’era una volta ……. “, e si avventura in un’idillica descrizione di un’America “dove tutte le creature sembravano vivere in armonia con l’ambiente”, e allietata dal canto di tanti uccellini. E prosegue trafiggendo con parole di fuoco l’uso dei pesticidi, e in particolare del DDT (diclorofeniltricloroetano), che avrebbe causato la morte degli uccellini e reso “silenziosa” la primavera. Come la mela offerta dalla strega a Biancaneve, nella dolcezza idillica delle descrizioni e nel tenero rimpianto per un mondo che mai più, ahimé, tornerà, si nasconde il veleno di un testo scritto col duro acciaio della guerra psicologica, irto di “messaggi subliminali, paure infantili, sensi di colpa, immagini terrificanti che diventano strumenti letterari suggestivi per manipolare il lettore e indurlo a credere acriticamente nel contenuto dei messaggi” (Gaspari, Rossi & Fiocchi 1991). Nella dedica del libro, l’autrice cita una frase del celebre medico filantropo e musicologo Albert Schweitzer (1875-1965): “L’uomo ha perso la capacità di guardare al futuro e di intervenire in anticipo. Alla fine distruggerà la Terra”, tacendo il fatto che Schweitzer si riferiva in realtà alla guerra atomica, non certo ai pesticidi, e che proprio riguardo al DDT si era espresso in modo assolutamente positivo, nella speranza che potesse servire a distruggere gli insetti nocivi. In realtà il DDT, le cui funzioni antiparassitarie furono scoperte dal chimico svizzero Paul Müller (che per tale scoperta ricevette il Premio Nobel), faceva proprio questo. La sua messa al bando nel 1972, sull’onda dell’emozione suscitata da “Primavera silenziosa”, e di “ricerche” che lo demonizzavano in ogni modo, come “inutile” (perché sarebbero comparse nuove varietà di insetti resistenti) e “pericoloso” (perché tendente a concentrarsi ai vertici della piramide alimentare), ha provocato un’immediata ripresa della malaria e dei parassiti delle piante. I raccolti di cotone, arachidi e patate, dove era stato impiegato il DDT, erano raddoppiati. Nel Pakistan ante DDT, nel 1961, si erano registrati 7 milioni di casi di malaria; dopo un’intensa campagna di irrorazione erano scesi, nel 1967, a soli 9.500; ma nel 1975, tre anni dopo la messa al bando del DDT, erano risaliti a 10 milioni. Identico andamento si riscontra in India e nello Sri Lanka. Attualmente i casi di malaria nel mondo sono dell’ordine delle centinaia di milioni, e metà della popolazione mondiale è a rischio. E gli uccelli? Nel periodo tra il 1941 e il 1961, al massimo delle irrorazioni di DDT, sono aumentati in tutto il Nord America. Quando questi dati della Audubon Society sono diventati di dominio pubblico, la strategia è cambiata: il DDT non ammazzava più gli uccelli, ma ne indeboliva il guscio delle uova. La Carson aveva citato ricerche dalle quali sarebbe risultato che quaglie giapponesi alimentate con una dieta contenente DDT non covavano le uova: un esame dello studio originale del dott. J.B. De Witt ha rivelato che non era affatto vero: vi era una differenza minima nella percentuale di covate regolari fra le quaglie che avevano assunto il DDT (80%) e quelle di controllo a cui non era stato somministrato (83,9%). Non solo, ma la Carson omise di segnalare un analogo studio del medesimo autore sui fagiani: le covate regolari avevano superato l’80% nel gruppo che aveva assunto il DDT ed erano state solo del 57% nel gruppo di controllo. Un’altra mistificazione fu quella secondo cui il DDT si sarebbe accumulato “per l’eternità” negli oceani. In realtà esso si degrada con grande rapidità: in un mese ne scompare circa il 90%, ed anche il resto si riduce ben presto a quantità infinitesimali. Si è pure tentato di dimostrare che è cancerogeno per l’uomo, senza successo. Perché dunque tanto accanimento? Per motivi politici. Un aumento troppo rapido della popolazione significherebbe una minaccia per gli equilibri politici ed economici esistenti. Un funzionario dell’Ufficio per il controllo della popolazione del Dipartimento di Stato USA, agli inizi degli anni Settanta ha dichiarato: “Usando il DDT abbiamo commesso un grave errore. La malaria, una delle malattie più diffuse al mondo è stata praticamente eliminata. In questo modo abbiamo stravolto l’equilibrio naturale. Troppi uomini sono rimasti in vita. Saremo fortunati se comparirà un virus più micidiale” (cit. in Gaspari, Rossi & Fiocchi 1991).

Leggi tutto

LA BUFALA ECOLOGISTA

L’ecologismo affonda le radici nelle idee di Thomas Robert Malthus (Dorking, Surrey, 1766-1834). “Le teorie di Malthus erano accurate e ben documentate; le sue argomentazioni erano giuste allora, e sono tuttora corrette”, si legge ne “I limiti dello sviluppo” (Meadows et al. 1972), la “bibbia” dei partigiani della “crescita zero”, del pianeta “verde”, dell’ambientalismo esagitato del massonico Club di Roma. Malthus (1992) concepisce l’uomo come un essere meramente materiale. La sua teoria corrispose ad un preciso bisogno di autodifesa dei ceti privilegiati britannici in un momento in cui si sentivano gravemente minacciati dal dilagare delle rivoluzioni.

Leggi tutto

EVOLUZIONISMO E PROSTITUZIONE DELLA SCIENZA

Emilio Biagini

Evoluzione, evoluzionismo, darwinismo: tre concetti ben diversi ma tutti sbagliati

Il sudario dell’ateismo
Il problema della cosiddetta “evoluzione biologica”, a partire dall’“illuminato” sec. XVIII è divenuto terreno di scontro intellettuale fra punti di vista diversi e inconciliabili. Occorre, a questo proposito, distinguere tre concetti ben diversi; (1) evoluzione, (2) evoluzionismo, (3) darwinismo. L’evoluzione è un processo: più esattamente è il processo ipotizzato mediante il quale nuove forme di esseri viventi più “evolute” si formerebbero da altre forme viventi diverse e più “primitive”. L’evoluzionismo è un insieme di teorie che tentano di spiegare il medesimo processo. Il darwinismo è una delle teorie evoluzionistiche: quella che ha avuto maggior fortuna, non per particolari metodi scientifici, ma perché promossa in ogni modo da circoli massonici ostili ad ogni religione.
Sebbene la maggior parte di coloro che le statistiche indicano come “protestanti” nei vari paesi siano in realtà “laicizzati”, ossia scettici o atei, vi sono tuttora protestanti fondamentalisti che credono ai ridicoli calcoli del vescovo protestante James Ussher di Armagh. Questo singolare individuo poneva l’inizio del mondo al 23 ottobre 4004 a.C. (un lunedì, per la precisione). Legati ad un’interpretazione letterale della “loro” Bibbia, i protestanti ritengono erroneamente che l’evoluzione, ed ancor più quell’interpretazione materialistica dell’evoluzione che è l’evoluzionismo, siano incompatibili con il Cristianesimo, e si sentono quindi obbligati a scegliere l’uno o l’altro.
Per la Chiesa cattolica, le cose stanno in modo assolutamente diverso. I problemi cominciano infatti solo con l’interpretazione filosofica materialistica dell’evoluzionismo, ovvero se tale teoria viene usata per attaccare l’idea di un Creatore, tentando così di minare il Cristianesimo. Da tempo la Chiesa ha definito la propria posizione mediante l’enciclica Humani generis del 1950, opera del grande e santo papa Pio XII, nella quale si afferma correttamente che l’evoluzione è un’ipotesi (non una certezza) di per sè non contrastante con la Fede, perché sia la Creazione che la Rivelazione sono opera dello stesso Dio, e Dio non può contraddirsi. La Chiesa, infatti, non ha mai aderito ad una lettura letterale del racconto della Genesi: vi è quindi ampio spazio per un’interpretazione in chiave simbolica che non nega affatto che i “giorni” della Creazione possano in realtà essere epoche lunghissime come le ere geologiche, durante le quali potrebbero benissimo trovare posto i fenomeni evolutivi. Anche la formazione del corpo umano potrebbe essere il risultato di evoluzione materiale. Per la Chiesa è essenziale solamente che l’anima umana sia risultato di creazione divina diretta. Anche Giovanni Paolo II ha più volte ribadito che l’evoluzione non contrasta affatto con l’idea di un Creatore.
Nessuna religione, e tanto meno quella cattolica, avrebbe alcunché da temere se evoluzione, evoluzionismo e darwinismo fossero provati. Vorrebbe dire semplicemente che Dio ha scelto quella modalità per la Sua creazione. Nessun problema per i credenti, a meno che siano i non credenti stessi a volerne fare occasione di scontro. E infatti sono stati gli atei ad attaccarsi alle idee evoluzionistiche come qualcosa da contrapporre alla religione, inventando incompatibilità del tutto ingiustificate, e in particolare cercando di attribuire un ruolo preponderante nelle trasformazioni del mondo vivente al caso cieco, oppure ad una fantomatica capacità di auto-organizzazione degli organismi viventi. È a loro che importa aver ragione a tutti i costi. Il problema tocca la filosofia, in quanto è degna di esame la pretesa atea di attaccare la religione, non per giudicare la religione, ma per giudicare l’ateismo, che ha creduto di farsi una bandiera di una teoria malferma e si è invece fabbricato un sudario.

Leggi tutto

LA BUFALA DELL’AIDS

Aids è una parola che spaventa. Le statistiche sono allarmanti. Ma, osservando più da vicino, la questione appare tutt’altro che chiara. Decisioni politiche in contrasto con i dati delle ricerche hanno teso ad aumentare l’allarme. Forti pressioni di lobbies hanno spinto a presentare la malattia come gravemente epidemica (Rossi 1999). Le lesbiche premono perché si dica che anche loro hanno l’Aids, altrimenti si sentono escluse dalla “liberazione sessuale”. Gli omosessuali, invece, vogliono che si dica che sono a rischio anche gli eterosessuali (quelli che epoche meno politicamente corrette e corrotte chiamavano gente normale), per non apparire una categoria “segnata”. Ma se la trasmissione di questa malattia avvenisse tra gli eterosessuali, le prostitute dovrebbero essere tutte infette, così come i loro clienti. Invece le sole prostitute infette sono quelle che sono anche tossicodipendenti. Né vale dire che ciò dipende dall’uso di profilattici: è un fatto (anche se i produttori di preservativi non l’ammetteranno mai) che i pori nel lattice del preservativo dilatato sono ben più larghi di un virus, senza contare le frequenti rotture, per cui tale tipo di protezione somiglia piuttosto ad un colabrodo usato come ombrello contro la pioggia. I dati sembrano piuttosto indicare, quando non manipolati politicamente, che non vi è alcuna epidemia. L’Aids non è una minaccia nuova: probabilmente esiste da lunghissimo tempo, è solo stato scoperto da poco. Neppure si può dire che si diffonda, a parte gli effetti della cosiddetta “liberazione omosessuale”: la malattia vista come qualcosa di cui andare “fieri”. Ne sono minacciate, in Europa e nel Nord America, solo determinate categorie a rischio: omosessuali (ma pochissimo le lesbiche), tossicodipendenti, gente soggetta a trasfusioni, emofiliaci. Negli USA il 75% di questa categoria di malati è sieropositivo: la sopravvivenza media di un emofiliaco, da quando è stata “scoperta” la “pericolosità” dell’Aids, è aumentata da 11 a 20 anni, ma se un emofiliaco muore si dice che è morto di Aids. L’epidemia viene presentata come disastrosa in Africa, ma i dati per quel continente sono inaffidabili, e vi si muore di moltissime malattie impropriamente classificate come Aids. Dietro la montatura giornalistica stanno pressioni politiche per assicurarsi enormi finanziamenti per la ricerca. Chi, fra gli scienziati, avanza dubbi non trova né finanziamenti né riviste scientifiche disposte a pubblicare i suoi studi, né pubblicità sui giornali e in televisione. In realtà nessuno sa di preciso cosa sia l’Aids e cosa lo provochi. La correlazione tra la malattia e il famoso virus Hiv è quanto mai incerta. Vi sono moltissimi individui sieropositivi, ossia che hanno l’Hiv, ma del tutto sani. Altri hanno l’Aids senza avere l’Hiv. Non potendo spiegare la stranezza, che rischia di far saltare il legame tra il virus e la malattia, la difficoltà è stata accantonata cambiando nome alla malattia: se manca l’Hiv non si parla di Aids ma di Itl. Nell’insorgenza dell’Aids possono esservi numerose concause, nessuna delle quali, però, individuata con precisione. Pazienti morti di Aids che avessero l’Hiv ma nessun’altra causa di depressione immunitaria (altri virus, droghe, rapporti sessuali particolari, denutrizione) non sono stati praticamente mai dimostrati con certezza. Questo può significare che l’Hiv non è in grado di infettare gente sana, ma uccide solo se ci sono altre forme di immunodeficienza e di infezione, e dunque è solo una delle cause, oppure che è solo un segnalatore secondario di immunodeficienza. Invece, in tutte le altre malattie infettive, dal morbillo al vaiolo, dalla tubercolosi alla lebbra, il paziente ha solo quella malattia ed è attaccato solo dall’agente patogeno di quella malattia. Assai istruttiva è la storia della scoperta dell’Hiv. Essa è strettamente connessa alla vicenda dei retrovirologi. Costoro sono i biologi che studiano i retrovirus (i virus sono macromolecole formate da un acido nucleico e da una proteina, i retrovirus sono quei virus che vivono all’interno delle cellule e in simbiosi con esse). I retrovirologi avevano conosciuto negli anni Settanta del sec. XX un periodo di grande prestigio e ricchissimi finanziamenti, e all’inizio degli anni Ottanta erano ancora sulla cresta dell’onda, ma la loro posizione stava facendosi precaria. Non erano riusciti a dimostrare una connessione certa e sistematica fra retrovirus e cancro. Le loro carriere rischiavano di fermarsi. Se i retrovirus erano inerti, niente più finanziamenti, niente più premi Nobel. L’Aids poteva salvare carriere tanto preziose solo se si fosse potuto dimostrare che era causato da un retrovirus, o persuadere di ciò l’opinione pubblica, ciò che dal punto di vista della carriera e della cattura dei finanziamenti era la stessa cosa. Nacque così la campagna per terrorizzare la gente, con l’Hiv decretato causa dell’Aids, e con l’Aids promosso a “peste del secolo”, attribuendogli morti provocate dalle malattie più diverse, dalla tubercolosi all’emofilia, all’epatite e a decine di altre. Nel mondo anglosassone, i grandi capiscuola delle facoltà di medicina sono soprattutto esperti di pubbliche relazioni, con buoni agganci politici, ed hanno come compito principale non la ricerca scientifica ma il rastrellamento di finanziamenti. Presentare le ricerche del proprio gruppo come la salvezza per l’umanità è quanto di meglio per lucrare un buon bottino. Se le previsioni formulate dai medici si rivelano errate, ciò che nel caso dell’Aids avviene regolarmente, dato che la cosiddetta epidemia “cresce” solo grazie ad acrobazie statistiche, gli scienziati non dicono “abbiamo sbagliato” ma “c’è un problema imprevisto, dateci più soldi per studiarlo”. I biologi Luc Montagnier e Bob Gallo studiavano indipendentemente i retrovirus. Nel 1983 il francese Montagnier aveva isolato in un paziente il retrovirus Hiv e ne aveva mandato un campione in America al collega statunitense Gallo, il quale l’anno successivo lo pubblicò facendolo passare per un proprio risultato personale. La composizione della successiva vertenza giudiziaria per la priorità della scoperta venne imposta dagli stessi governi di Parigi e di Washington: la gravità dell’”epidemia” era tale, si diceva, da richiedere concordia per “salvare l’umanità”. In realtà sia Montagnier che Gallo, nei loro studi sui retrovirus, erano giunti ad un punto morto ed erano disperati perché non riuscivano a giustificare i finanziamenti che ricevevano. Dovevano assolutamente trovare qualche grave malattia associata a tali virus. Gallo era arrivato ad imputare ad essi una rara forma di cancro presente soltanto in due isolette giapponesi, troppo poco per giustificare milioni di dollari di finanziamenti. L’Aids è così divenuto l’ancora di salvezza di tutti i retrovirologi (Rossi 1999) La definizione di Aids viene sempre più estesa fino a comprendere decine di malattie diverse, tutte catalogate come Aids. Si vuole dimostrare che tutta la popolazione ne è minacciata, inclusa la maggioranza eterosessuale normale. Un altro trucco per gonfiare le statistiche è quello di fare riferimento non alle percentuali sul totale della popolazione ma ai numeri assoluti: su cifre piccolissime di partenza si possono facilmente avere aumenti consistenti. I Centri per il controllo della malattia (Centers for Disease Control) degli Stati Uniti annunciarono che in un solo anno l’Aids nel gruppo di età al di sotto dei vent’anni era aumentato del 100%: ma la consultazione delle cifre reali mostrò che l’aumento era stato da 9 a 17 casi in tutti gli USA che hanno oltre 250 milioni di abitanti. Naturalmente a tutto ciò si aggiungeva il sensazionalismo dei media. “Niente catturava l’attenzione dei redattori e dei direttori come le voci di una trasmissione eterosessuale e generalizzata dell’Aids. Le voci significavano spazio sui giornali e in televisione; il che, nella questione dell’Aids, veniva rapidamente tradotto in finanziamenti e denaro. Così, anche se le prove di una pandemia di Aids tra gli eterosessuali era scarso, pochi ricercatori l’avrebbero detto forte. Non c’era nessun vantaggio, nel prendere una posizione simile, anche se alla fine si sarebbe rivelata onesta e veritiera. Cinque anni di amare e sperienze avevano insegnato a tutti quelli coinvolti nell’epidemia che la verità non contava molto nella politica dell’Aids.” (Shilts 1987). Emarginazione, insulti, minacce, accuse di irresponsabilità sono stati il destino di quanti, scienziati o giornalisti, tentavano di mettere in discussione i dogmi dell’establishment medico-biologico. Se questo squallido quadro è, come sembra probabile, esatto, o anche se lo fosse solo in parte, siamo di fronte ad un impressionante esempio di scienza prostituita.

Leggi tutto

SCIENTISMO

Si intende per “scientifico” ciò che i detentori del potere all’interno della comunità accademica ritengono che convenga sostenere. La frase “non è scientifico”, suona come una scomunica. A ciò che “non è scientifico” si nega il diritto di espressione e di esistenza. Questo equivale a dire che “la scienza è l’unica fonte di conoscenza”: tale è la proposizione basilare dello scientismo, che proprio nel mondo anglosassone ha trovato i sostegni più autorevoli, e vi è divenuto talmente di casa da non essere quasi neppure oggetto di discussione. Parallela allo scientismo è naturalmente la svalutazione della metafisica. Quest’ultima, ricordiamo, è la teoria dell’ente in quanto ente, visto nei suoi caratteri universali, e conduce all’intuizione dell’assoluto, ossia a Dio. La metafisica è creazione dell’antico pensiero greco: in via puramente intellettuale, senza alcun aiuto dalla Rivelazione, i Greci avevano elevato sull’acropoli di Atene il tempio “al Dio sconosciuto”, e la metafisica era tenuta in alto onore anche presso le menti più elette del mondo romano, come Cicerone e Seneca. Gli anglosassoni sembrano essere assai poco portati a ragionare in questi termini: lo scientismo positivista è infatti assai più congeniale alla loro mentalità pratica. Il grande filosofo Karl Popper (1963, 1968), emigrato in Gran Bretagna, per sottrarsi alla dittatura nazista, e divenuto professore all’università di Oxford, era il maggior specialista di epistemologia (filosofia della scienza) vissuto nel Novecento. A lui dobbiamo la demolizione più efficace ed incontrovertibile dello scientismo, che evidentemente, però, non è stata recepita dai prestigiosi colleghi del grande epistemologo, o almeno non da tutti. La proposizione basilare stessa dello scientismo è miseramente contraddittoria: infatti non è possibile dimostrare scientificamente che la scienza sia l’unica fonte di conoscenza, per cui tale proposizione non è scientifica. Dunque, se la proposizione è vera, significa che almeno una proposizione non scientifica è vera, e dunque siamo di fronte ad un’insanabile autocontraddizione, ad una difficoltà logica irrisolvibile, e che in termine tecnico si chiama aporìa. Il Popper categorizza tale tipo di contradditorietà come un caso di “paradosso del cretese”, ben noto alla logica classica (Un cretese dice: “Tutti i cretesi mentono”, ma se l’affermazione è vera, significa proprio il contrario, ossia che non tutti i cretesi mentono, perché almeno uno ha detto la verità). I falsi dogmi scientisti, di evidente ascendenza gnostica, sono un gravissimo ostacolo alla scienza autentica: “i positivisti, nella loro ansia di annichilire la metafisica, annichiliscono anche la scienza naturale”, scrisse il Popper (1968). Ma infatti allo scientista la scienza non importa nulla se non come arma contro la religione. Lo scientista è prima di tutto un settario ateo, e in definitiva un poveretto guidato più dal proprio orgoglio, dalla propria ridicola presunzione, che non vuole ammettere un Dio al sopra di sé, dominato dalla voglia di non sottostare ad una “fastidiosa” legge morale trascendente e non dalla sete di verità. Recentemente si è affacciato alla ribalta un nuovo scientismo, ancor più strettamente legato alla gnosi (Valenti 2001). L’assunto di base di tale nuovo scientismo è la rivendicazione alla scienza di un campo di indagine illimitato. La scienza stessa si propone cioè come filosofia onnicomprensiva in progressiva espansione. Ciò presuppone quindi che non vi sia niente al di fuori della scienza se non l’ignoto. Si tratta di una forma più insidiosa di quella tradizionale, a suo tempo demolita dal Popper. Ma anche questa forma di scientismo è contraddittoria. Infatti, anche la nozione secondo cui al di fuori della scienza non vi sarebbe che l’ignoto non è scientificamente dimostrabile, e ricade quindi nell’ambito dell’ignoto, con evidente circolarità. La presunzione scientista spinge quindi la scienza, una scienza concepita come “sapere totale”, ad appoggiarsi all’ignoto, con evidente aporìa autodistruttiva.

Leggi tutto

CÆLI ENARRANT GLORIAM DEI

Cæli enarrant gloriam Dei et opera manuum ejus annuntiat firmamentum. I cieli narrano la gloria di Dio, e il firmamento annuncia l’opera delle sue mani. Ma a quanti interessa rendersi conto di questa realtà? Quanti preferiscono chiudere gli occhi e seguire altre vie, di più immediato appagamento?
La vera scienza si avvicina a Dio, la falsa se ne allontana. Spesso la scienza è prostituita all’ateismo perché senza Dio si fanno meglio i propri comodi, si coltivano i vizi, si solletica l’orgoglio.
Oppure è prostituita agli interessi delle multinazionali, che perseguono politiche ambientaliste che solo apparentemente sono rivolte contro le stesse multinazionali, ma che in realtà mirano a spiazzare i concorrenti e a difendere le proprie posizioni di potere, bloccando innovazioni che potrebbero minacciarne il predominio sui mercati internazionali.
Oppure ancora sono gli stessi scienziati, organizzati in lobbies a caccia di notorietà e di finanziamenti, che trovano conveniente gridare “al lupo”: spaventare la gente, infatti, è molto redditizio.
Se uno scienziato dice che non c’è motivo di preoccupazione, oppure che c’è ma non possiamo farci niente perché il rischio ambientale è di origine puramente naturale, la gente si volta dall’altra parte e si riaddormenta.
Ma se lo scienziato è furbo (e quindi ci tiene alla fama e ai soldi più che alla ricerca della verità), capisce che gli conviene dire, anzi urlare, che c’è un pericolo gravissimo, e che la colpa è dell’uomo, e che bisogna assolutamente correre ai ripari, altrimenti l’umanità rischia il disastro,
D’improvviso il tizio diventa interessante: viene intervistato, appare al telegiornale, rivendica elevati finanziamenti perché solo la sua importantissima ricerca si erge fra noi e il baratro, e via di questo passo.
Naturalmente gli scienziati godono di immenso prestigio e ci si crogiolano.
Quelli peggiori fra loro (cioè un buon numero, se non la maggioranza) non sanno neppure che voglia dire la parola “umiltà”.
Quindi “sanno tutto”, beati loro (“L’universo lo conosciamo come le nostre tasche”, parola dell’astrofisica comunista dura e pura di cui non ricordo bene il nome, qualcosa come Krack, Klack o Kack).
Ma che dire di ciò che apertamente contraddice le “leggi” scientifiche? Vi sono fenomeni assolutamente misteriosi, scientificamente inspiegabili, ed è vano dire che “la scienza futura li spiegherà”.
Anzitutto perché sono fatti che non solo al di fuori di ciò che scientificamente si sa, ma contro tutto ciò che scientificamente si sa. Sono cioè fatti a tutti gli effetti “impossibili”; eppure avvengono.
E poi che senso ha un simile atto di fede cieco nella scienza, che “un giorno spiegherà”?
Atto di fede per atto di fede, non c’è forse di meglio in cui credere?
Questa sezione è dedicata alla scienza: al tentativo di distinguere la vera scienza da quella falsa e di additarne gli inevitabili limiti, perché una scienza che non ammette limiti è degradata a scientismo.

Leggi tutto

(Pagina 3 di 3)

© I TRIGOTTI & Tutti i diritti riservati & C.F. BGNMLE41D04D969T & Privacy Policy & Informativa Cookies & Credits dpsonline*

Aliquam Curabitur elit. eleifend non tristique commodo dolor et, felis facilisis