•  
  •  
  •  
  •  

 

IL CUL E IL POP

Viva il tuttologo, viva la bestia

che unisce il merito alla modestia.

Libri mai letti sa giudicare,

aspri giudizi per poi trinciare.

Con obiettivo, giusto concorso

salito è in cattedra senza rimorso.

Certa è una cosa: l’Istituzione

sa valutare ben le persone,

ed ai tuttologi dona lo scranno

perché son geni e tutto sanno.

Poi al nullologo, in redazione,

viene passata l’informazione:

“Ecco, il tuttologo l’ordine ha dato,

il delinquente sia giustiziato,

perché ha offeso il minculpop:

a tanto oltraggio mettiamo stop.

Giornali e radio, passi la voce:

il criminale sia messo in croce,

perché ha offeso il minculpop:

a tale oltraggio si metta stop.

E pure Internet mobilitiamo,

la nostra ira sentir facciamo,

perché ha offeso il minculpop:

a tanto oltraggio mettiamo stop.

Ed il tuttologo molto è agitato,

per l’emorroide che l’ha piagato.

Perciò il nemico deve soffrire,

possibilmente anche morire,

perché ha offeso il minculpop:

a tanto oltraggio si metta stop.

Non lo facciamo mai più parlare,

di rabbia il misero deve schiattare,

perché ha offeso il minculpop:

a tanto oltraggio mettiamo stop.

Quando il marrano sarà sparito

godrà il tuttologo gaudio infinito,

ed al nullologo stretto abbracciato

rotolerassi fin sul selciato,

e insiem godranno il cul e il pop

senza timore più d’alcun flop.

E finalmente, sotto l’ulivo,

il gran tuttologo, tutto giulivo,

potrà insegnare, a questo e a quello,

il vuoto nulla che ha nel cervello.

 

EMILIO BIAGINI

Già Ordinario di Geografia nel periferico ateneo della periferica isoletta fatta a sandalo. Ora felicemente in pensione dopo essersi molto divertito nello studio della bestialità politicamente corretta durante gli ultimi due anni di servizio.


  •  
  •  
  •  
  •